Famiglia Oggi.

Logo San Paolo.
Sommario.

Numeri precedenti.        

Cerca nel sito.       

n. 6 NOVEMBRE-DICEMBRE 2009

Sommario

EDITORIALE
Uno sguardo capace di sostenere l’incontro
la DIREZIONE

SERVIZI
  Per prendersi cura occorre il rispetto
CARMELO VIGNA

Le parole e i silenzi dei pazienti
EUGENIO BORGNA

Un’arte della relazione
LAURA FORMENTI

Le alleanze possibili tra familiare e sociale
FRANCESCO BELLETTI

Fenomeno "badanti": un welfare invisibile
MAURIZIO AMBROSINI

Accanto ai malati definiti "incurabili"
GIOVANNA CAVAZZONI

Verso l’alleanza tra medico e paziente
MAURIZIO CHIODI

DOSSIER
Sulle spalle della famiglia
LORENZA REBUZZINI

RUBRICHE
SOCIETÀ
Impegnarsi per chi soffre
BEPPE DEL COLLE

RICERCA
Comprendere la mente altrui
VERONICA ORNAGHI

RICERCA
Abilità cognitive ed emozioni
ANTONELLA D’AMICO

CONSULENZA
Il bisogno di affidarsi
CLARA CRESPI

POLITICHE
La famiglia delle famiglie
BARTOLO CICCARDINI

EDUCAZIONE
Quando correre fa crescere
MICHELE AGLIERI

MINORI
Per raggiungere l’autonomia
FRANCA COLOMBO

BIOETICA
Cellule maligne riprogrammabili
ALESSANDRA TURCHETTI

PASTORALE
Un lavoro a più braccia
MARIO OSCAR LLANOS

COMUNICAZIONE
Che libro leggo? Ecco un aiuto!
FULVIA DEGL’INNOCENTI

COMUNICAZIONE
Un festival che fa pensare
CHIARA MACCONI

NARRATIVA / SAGGISTICA / RIVISTE

CISF / MONDO

SOMMARIO
   

     
PER PRENDERSI CURA OCCORRE IL RISPETTO
di Carmelo Vigna

Nel testo si dice che la cura è anzitutto una maniera di rapportarsi al mondo: quella maniera che protegge dal male qualcosa; soprattutto qualcuno, ma qualcosa o qualcuno che sia vulnerabile. Perciò si aggiunge che l’esperienza diffusa e costante della vulnerabilità delle cose di natura e degli esseri umani è alle origini della cura. Si analizzano poi le varie declinazioni del rapporto di cura, sottolineando la necessità di una certa reciprocità, per quanto asimmetrica essa sia, tra chi cura e chi è curato. Un essere umano, infatti, può essere intercettato nella propria libertà, e curato, solo se viene interpellato come un soggetto, cioè se viene riconosciuto nella sua dignità.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

      
LE PAROLE E I SILENZI DEI PAZIENTI
di Eugenio Borgna

L’autore si confronta con il tema della cura muovendo da una psichiatria fenomenologica, nella quale i modi di essere della vita psichica, incrinata o meno dalla sofferenza, sono considerati come incentrati sull’interiorità, sulla soggettività, di chi sta male, e come condizionati da una genesi multifattoriale (dalla presenza di fattori talora biologici ma sempre personali e interpersonali, relazionali). La cura in questa prospettiva non è mai solo farmacologica ma soprattutto relazionale: nutrita di dialogo, di ascolto, di introspezione e di immedesimazione, di partecipazione emozionale al destino, e al senso, dell’angoscia e della disperazione, della tristezza e dell’inquietudine del cuore.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

   
UN’ARTE DELLA RELAZIONE
di Laura Formenti

Il contributo parte da una riflessione sulla relazione tra cura e famiglia, luogo primario di esperienza del prendersi cura e dell’aver cura. La cura viene definita come evento complesso, fatto di azioni concrete e modalità di relazione, luci e ombre, che costituisce una formidabile esperienza formativa. Avere cura significa sviluppare l’attenzione e la conoscenza di sé, degli altri, del mondo, imparare l’autonomia e la responsabilità. È un processo intriso di valori e la famiglia è il terreno in cui imparare le diverse soluzioni che gli umani trovano al bisogno di cura. In particolare, nelle relazioni tra generi e generazioni emergono difficoltà e possibilità ulteriori di cura educativa.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

    
LE ALLEANZE POSSIBILI TRA FAMILIARE E SOCIALE
di Francesco Belletti

L’uomo impara che la relazione è composta da dedizione, tempo, e cura. Quest’ultima, quindi, rientra a pieno diritto non solo tra gli elementi costitutivi dell’essere umano in quanto essere in relazione, ma anche nella famiglia in quanto luogo primario di relazione. Nella logica della sussidiarietà, da parte dei familiari deve esplicarsi un agire sociale caratterizzato dalla responsabilità e da un orientamento pro-sociale, mentre da parte delle politiche deve essere proposto un approccio capace di favorire la "messa in movimento" della famiglia.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

   
FENOMENO "BADANTI": UN WELFARE INVISIBILE
di Maurizio Ambrosini

Le donne migranti rappresentano il perno di un sistema parallelo di welfare che si è rapidamente diffuso in Europa. La difficoltà delle famiglie a garantire le tradizionali funzioni di cura, in carenza di un welfare pubblico, ha indotto la ricerca di soluzioni alternative. L’assunzione di persone immigrate, spesso in condizione irregolare, ne è il tratto saliente. Tra le famiglie e le assistenti domiciliari si sviluppa un peculiare rapporto, un mix di alterità e familiarizzazione. Le donne migranti hanno a loro volta delle famiglie alle spalle. Il trasferimento all’estero impone una complessa riorganizzazione delle loro vite, e lascia in ogni caso un vuoto affettivo.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

   
ACCANTO AI MALATI DEFINITI "INCURABILI"
di Giovanna Cavazzoni

La Vidas è nata a Milano nel 1982 per l’assistenza e cura dei malati terminali e ha come assunto di base che la vita è tale e degna di attenzione fino all’ultimo respiro. Si regge sui volontari che vanno nelle case ad assistere i malati e su figure professionali (medici, infermieri, psicologi, assistenti sociali, fisioterapisti) creando équipe molto coese e capaci di venire incontro ai diversi bisogni del malato e della sua famiglia.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

   
VERSO L’ALLEANZA TRA MEDICO E PAZIENTE
di Maurizio Chiodi

L’idea di cura in bioetica affronta tre questioni: una complessiva interpretazione dell’esperienza antropologica (chi è l’uomo? Come pensare l’identità umana? E quale rapporto sta tra me e l’altro? Quale è il nesso tra l’esperienza umana e l’esperienza morale?); il significato dell’alleanza nella relazione tra il malato e l’altro; l’essere una testimonianza cristiana, nella quale il credente annuncia concretamente all’altro un amore più grande del suo, che è l’amore di Dio.








 

Your browser doesn't support java1.1 or java is not enabled!

 

  
Famiglia Oggi n. 6 novembre-dicembre 2009 - Home Page