Periodici San Paolo - Home page

SOMMARIO

      

   Famiglia Oggi n. 2 febbraio 2000 - Home Page

UN’ATTENZIONE IN CRESCENDO
di Luciano Deriu

Scopo di queste brevi note è quello di offrire ai lettori spunti di riflessione, su un argomento così delicato e così importante come le famiglie di fatto. In particolare vengono sottolineati tre precisi temi: l’evoluzione del diritto di famiglia italiano; l’influenza degli orientamenti giurisprudenziali e dottrinali sulla normativa più recente; i disegni e i progetti di legge pendenti dinanzi alla Camera dei deputati e/o al Senato della Repubblica. Dall’analisi emerge una graduale e costante attenzione, soprattutto in campo giuridico-normativo, verso un fenomeno in crescita che coinvolge adulti e minori.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

FARE LEVA SUL POSITIVO
di Leandro Rossi

Se si medita sul problema riguardante le coppie di fatto, alla luce della libertà religiosa proclamata dal Concilio con serenità e senza posizioni ideologiche, sembra che Cristo non abbia sbagliato. L’indissolubilità evangelica non ci autorizza a punire quanti non hanno ancora capito la bellezza dell’amore eterno. Inoltre, nei Vangeli, non si parla unicamente del valore "famiglia" né, in proposito, di regole integriste da seguire. Il prossimo da soccorrere è un bisognoso che non ha, necessariamente, legami di parentela. Appaiono, quindi, fuori luogo i discorsi repressivi che evitano di esaltare, invece, la gioia di una scelta di vita proclamata davanti alla comunità.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

LE "UNIONI" CHE SCUOTONO I CREDENTI
di Giuseppe De Rosa

Dopo aver spiegato il senso del termine "unione di fatto" (l’autore preferisce questo termine a quello di "famiglia di fatto"), l’articolo si sofferma sui motivi che spingono oggi parecchie persone a costituirle. I motivi sono diversi a seconda che si tratti di persone che non vogliono sposarsi o di persone che vorrebbero sposarsi, ma per il momento non possono farlo. Si rileva ad ogni modo che il fenomeno delle unioni di fatto è un segno della crisi che attraversa il matrimonio religioso-cristiano. Ci si chiede, poi, come tali unioni vadano giudicate da un punto di vista cristiano e si danno brevi indicazioni sugli atteggiamenti che la Chiesa deve assumere nei confronti delle persone conviventi.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

L’INUTILE IMPOSIZIONE DELLA LEGGE
di Giordano Muraro

Tre sono i momenti dell’azione pastorale: l’analisi della realtà, la ricomprensione della Parola di Dio, l’applicazione della parola di Dio alla realtà di oggi. Ora, l’analisi della realtà dimostra che esistono diversi tipi di convivenze, e che quelle più radicali, cioè quelle "ideologiche", sono in realtà una esigua minoranza. Se poi si esamina la Parola di Dio, sia quella scritta nella natura dell’uomo, sia quella rivelata nel corso della storia, vediamo che le unioni di fatto non possono rientrare nel piano concepito per il bene delle persone e della società. Un’azione completa dovrebbe, inoltre, comprendere tre interventi: sulla società con le associazioni familiari, sulle famiglie con i gruppi famiglia e sulle persone con la riscoperta della dimensione sociale. Il modo migliore per nobilitare la famiglia legale è la via della convinzione fondata sul ragionamento e sull’esempio.

   Famiglia Oggi n. 2 febbraio 2000 - Home Page