Periodici San Paolo - Home page

SOMMARIO

      

   Famiglia Oggi n. 12 dicembre 2000 - Home Page

DOVE REGNA IL LIBERO ARBITRIO
di Carlo Buzzi

Sono numerose le ricerche relative al comportamento sessuale delle nuove generazioni. Da una lettura globale dei dati più recenti emergono le tendenze evolutive dei giovani e, in particolare, gli atteggiamenti sui valori che guidano all’interno dei complessi itinerari di maturazione sessuale e affettiva. I valori tradizionali stanno perdendo, sempre più, importanza e anche tra coloro che si definiscono cattolici prevale una forte autonomia rispetto agli orientamenti e le indicazioni della Chiesa. Il controllo sociale, basato su rigide norme di comportamento, non sembra avere lo stesso impatto di un tempo, ma sembra piuttosto lasciare il posto a condotte improntate sulla spontaneità, sulla tolleranza e sul libero arbitrio.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

RICOMPORRE LA TRAMA SPEZZATA
di Alessandro Manenti

La sessualità umana contiene un progetto anche se non esplicitamente programmato dalla persona. Dal momento che veicola significati plurimi, va compresa nel quadro più globale dell’intera persona: Chi sono? Cosa voglio esprimere? Cosa pretendo dalla vita? Il comportamento sessuale non si ferma a ciò che immediatamente gli appartiene né è spiegabile solo in termini di sesso, ma lascia trasparire un anelito a qualcosa che supera la genitalità. Per vivere la sessualità con consapevolezza, bisogna ridare dignità alla sua elementare componente fisiologica, oggi vissuta in modo abbastanza indigente e, contro messaggi illusori, educare al piacere come sentimento che supera la mera gratificazione.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

PER UNA SERENA SESSUALITÀ
di Luciano Peirone

Ottimistici discorsi affermano spesso che la sessualità fa parte dei diritti della persona. Ciò è sicuramente vero, nel senso che fra i vari diritti alla salute, e quindi anche al benessere e alla serenità, si può correttamente annoverare quest’ultimo "arrivato". In un tutto armonico fra uomo e donna, fra corpo e psiche, fra singolo e coppia, fra individuo e società anche il sesso trova la sua collocazione. Nella sessualità "ben fatta" si incontrano le persone reali. Nella coppia, che come tale è relazione sessuale, affettiva e sentimentale, il corpo trae beneficio sia come piacere che come salute. E anche la psiche ne beneficia.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

UN VALORE DEL VIVERE SOCIALE
di Giorgio Rifelli

La conoscenza sessuale, affidata alla riflessione teologica e pedagogica, da un lato, e alla elaborazione letteraria e artistica dall’altro, con l’avvento dell’Illuminismo è diventata oggetto di studio a opera della scienza medica che, occupandosi dei problemi della generazione, è andata definendo i meccanismi fisiopatologici e le modalità comportamentali, avviando la costruzione del sapere sessuale e determinando la nascita della sessuologia che si è allargata alle più diverse discipline, indirizzandosi alla persona nella sua unità psicosomaticorelazionale. Nata con la fantasia di poter chiarire il mistero sessuale, la sessuologia si è ridimensionata nel tempo, cercando di spiegare senza pretendere di svelare.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

IL SESSO AI TEMPI DI INTERNET
di Maurizio Bossi

Viene proposto, in base all’esperienza dell’autore e del suo gruppo di studio, il confronto fra differenti mezzi comunicativi nel campo della divulgazione sessuologica. In particolare sono messe in rilievo le statistiche relative ai quesiti di sessuologia, pervenuti via e-mail in un sito Internet, e alla tipologia dell’utenza. Concludono il lavoro alcune riflessioni sulla sessualità virtuale e sull’inderogabile necessità dell’interazione umana in questo, come in altri settori educativi, nonché sul ruolo preminente della famiglia.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

ESSERE QUALCUNO PER L’ALTRO/A
di Domenico Barrilà

Sovente ci si rifugia nell’illusione che l’esperienza affettiva, soprattutto quella giovanile, possa essere compresa in modo nominalistico, classificatorio. Questa modalità di accostamento, assai più diffusa di quanto si possa immaginare, finisce però per offuscare le lenti degli osservatori poiché l’affettività si apre alla comprensione solo quando è proiettata contro il suo sfondo naturale, che è quello delle relazioni sociali più impegnative. In un contesto così definito ci risulterà più facile comprendere anche certe apparenti distorsioni e stranezze, che talvolta presentano il comportamento dei giovani quando sono alle prese con le delicatissime ansie da collaudo sociale che si nascondono, ad esempio, dietro le questioni sentimentali.

   Famiglia Oggi n. 12 dicembre 2000 - Home Page