Famiglia Oggi - Home Page
 

POLITICHE FAMILIARI

Un Cammino Ancora Lungo

di Danilo Leonardi

Famiglia Oggi n. 2 febbraio 1997 - Home Page PRIMI RISULTATI CONCRETI DEL FORUM

Obiettivo delle associazioni è sensibilizzare le istituzioni sui diritti della famiglia. La politica familiare ha acquisito maggior forza. Restano alcune resistenze culturali che tuttavia non minano le certezze di chi crede ai valori di base.

La nascita del Forum delle Associazioni familiari risale al 21 marzo 1992. A distanza di anni è possibile fare un primo bilancio dei risultati ottenuti e segnalare i progetti futuri. In occasione delle due ultime consultazioni politiche si è rivolto un appello ai candidati e agli elettori perché tenessero in conto le istanze delle famiglie italiane; tutti i gruppi parlamentari e le forze sociali sono state informate dei contenuti della vertenza e si è chiesto loro ufficialmente di avviare una serie di politiche familiari; si è pure lavorato per ottenere adeguata visibilità sui mezzi di comunicazione sociale. Naturalmente, al lavoro in ambito civile si è affiancata la sensibilizzazione del mondo ecclesiale.

Questo fervore operativo ha trovato piena espressione nella petizione al Parlamento per le politiche familiari, che ha visto la mobilitazione di tutte le associazioni. L'iniziativa ha avuto un successo che ha superato le attese, oltrepassando il milione e mezzo di firme e ha portato una dote cospicua di autorevolezza alle richieste del Forum. In seguito alla consegna della petizione nelle mani del presidente del Senato, lo scorso 4 luglio, ripresa anche dai principali media, il Forum è diventato interlocutore stabile del Governo, incontrando più volte i ministri della Finanza e della Solidarietà sociale. Parecchi parlamentari hanno chiesto personalmente notizie circa i contenuti della petizione e si sono detti disponibili a collaborare con il Forum. Il buon esito della petizione ha comportato inoltre per le associazioni e le famiglie la prima concreta presa di coscienza circa i propri diritti e una prima dimostrazione della forza che esse possiedono quando riescono a coordinarsi.

Un'altra iniziativa importante, presentata quasi in contemporanea alla petizione al Parlamento, ha riguardato la richiesta di introdurre nel nostro sistema fiscale un principio di equità fiscale che tenga conto realmente dei carichi sostenuti da ogni famiglia per il mantenimento dei suoi membri, il cosiddetto Bif (vedi Famiglia Oggi 12/96). Il Forum ha incontrato i gruppi parlamentari dei due rami del Parlamento per presentare questa proposta e per sollecitare l'attenzione della funzione legislativa dello Stato sulle istanze di cui le associazioni si fanno portavoce.
Ci sono stati anche alcuni segnali concreti, come il disegno di legge in favore della locazione o dell'acquisto della casa da parte delle giovani coppie e delle famiglie monogenitoriali, finalmente varato dal ministro Turco; la detrazione di 40.000 lire per ciascun familiare a carico prevista nell'eurotassa: questi provvedimenti portano l'impronta del Forum che li ha sollecitati nelle sedi competenti, mentre la proposta di istituire una commissione parlamentare per la famiglia, al momento, non ha raccolto sufficienti adesioni in Parlamento.

Il cammino verso l'affermazione di una rinnovata attenzione al ruolo centrale della famiglia è certamente ancora lungo. Esso va sostenuto, sottolineiamo ancora, con un'adeguata opera di sensibilizzazione culturale. L'ultima assemblea ha stabilito alcune prossime iniziative. La prima in ordine di tempo riguarda il sostegno alla proposta di modifica dell'articolo I del Codice civile in vista del riconoscimento giuridico dell'embrione umano. A seguire il Forum darà il suo appoggio al convegno Famiglia e scuola (6-8 marzo 1997) organizzato dagli Uffici per la pastorale familiare e scolastica della Cei (Conferenza episcopale italiana), che approfondirà il legame tra le due realtà, per giungere a un vero e proprio "patto educativo" che valorizzi le reciproche responsabilità.

Difficoltà attuali

Successivamente il vivace mondo dell'Associazionismo familiare sarà oggetto di un convegno nel mese di aprile, nell'ottica dei rapporti tra associazionismo, volontariato e terzo settore anche in riferimento al testo della proposta di legge Zamagni-Fantozzi. La stagione si concluderà con un seminario di studio, nel mese di giugno, sul problema ormai indifferibile della nascita dei comitati regionali del Forum e su tutte le implicazioni del rapporto famiglia - enti locali in vista dell'elaborazione di proposte per efficaci leggi regionali.

Nonostante il Forum possa fare un primo positivo bilancio delle sue attività, permangono delle resistenze che costituiscono altrettante prossime sfide da affrontare. A livello parlamentare, non è sempre facile affermare la trasversalità della proposta del Forum. Anche nei deputati cattolici prevalgono talvolta sensibilità diverse, di natura ideologica, che impediscono un serio e proficuo confronto sul tema delle politiche famigliari. I grandi quotidiani nazionali, se pure talvolta danno spazio ai problemi della famiglia, stentano parecchio a superare una sorta di "censura", più o meno volontaria, nei confronti delle iniziative del mondo cattolico.
Mentre sul piano nazionale il Forum è una realtà riconosciuta, rimane da fare un lungo cammino a livello regionale e locale specie sotto il profilo culturale, tanto in ambito civile che ecclesiale. I comitati regionali del Forum stentano a decollare.

Si tratta di investire su questi organismi prima che sia troppo tardi e vengano approvate leggi regionali che minano alla base qualsiasi possibilità di sostegno alle famiglie. Ciò significa, in concreto, dotare le associazioni aderenti al Forum di quegli strumenti che consentano loro di monitorare la realtà locale, sostenendo la loro presenza, favorendo la presa di coscienza delle famiglie perché divengano consapevoli di essere una risorsa per l'intero paese e chiedano allo Stato il riconoscimento del loro ruolo sociale

Famiglia Oggi - Home Page
Periodici San Paolo - Home Page
Famiglia Oggi n. 2 febbraio 1997 - Home Page