Famiglia Oggi  - Home Page
 

SOMMARIO

   

   

   

Famiglia Oggi n. 3 Marzo 1997 - Home Page

POTENZA DELLA VOCAZIONE
di Davide Fianunengo

Il conflitto che sorge fra i progetti paterni e le scelte dei figli è un fatto recente. Lo sostiene apertamente l’ autore che individua un lasciapassare verso l’ età adulta dei giovani nei modelli convincenti proposti dai genitori. Nella sua breve diagnosi, inoltre, considera molto più valida la concretezza delle cose che non la genericità, pur essendo quest’ ultima assai frequente. Certo, non esistono ricette prestabilire e ogni famiglia deve trovare una propria soluzione agli eventuali problemi che insorgono.

STORIE DI FIGLI INCOMPIUTI
di Maria Concetta Campana

Con eccessiva facilità i genitori vengono colpevolizzati di tutti i problemi dei figli, raramente, invece, si analizzano i loro vissuti giovanili che ne spiegano in parte i comportamenti. Tutte le classi sociali ne sono trasversalmente colpite anche se vi sono due categorie a rischio: i genitori famosi e quelli impegnati in professioni educative. Questi più degli altri rischiano di imporre una rigida identità familiare, di forzare la personalità dei figli, di impedire loro la piena autonornia verso l’ età adulta. Far crescere serenamente e liberamente richiede tanto equilibrio e pacifici rapporti di coppia, prima ancora che in famiglia.

GENITORI TROPPO INGOMBRANTI
di Mariateresa Zattoni e Gilberto Gillini

I figli dei genitori di successo presentano talvolta difficoltà a distinguere tra successo proprio e successo del genitore e a svincolarsi dal peso di dover confermare, o sconfessare, il successo genitoriale. I due pedagogisti affermano però chiaramente che non è il successo di un genitore a ostacolare necessariamente i figli sul piano della relazione educativo-parentale, anche se il successo può amplificare aspetti negativi di tale rapporto. Soltanto dall’unione di successo e dinamiche pedagogicamente negative nasce il concetto di "genitore ingombrante"; gli autori ne danno alcune concrete esemplificazioni. Ingombrante è un genitore che al prestigio non ha unito una adeguata consapevolezza dei costi legati alla competitività e quello che mette sotto l’etichetta della missione la sua fuga dalla famiglia. Anche in questi casi è possibile trasformare il successo in una risorsa se il genitore impara a narrarsi in famiglia con la leggerezza della moderazione e del disincantamento.

L’ IMPRESA FAMILIARE VERSO ILFUTURO
di Gianfranco Piantoni

Le ragioni della difficile sopravvivenza delle imprese dalla prima alla terza generazione sono sovente di tipo culturale. Le aziende familiari, infatti, prediligono i valori che hanno connotato l’iniziale spinta imprenditoriale: l’attenzione al patrimonio, il fascino del pioniere, la proprietà come diritto, il gustodell’azione, la vicendevole fiducia. L’ evoluzione dell’impresa sollecita invece altri valori: il ruolo della convivenza, il potere del gruppo, il senso dell’appartenenza, l’apertura al management esterno, il confronto e l’ascolto degli altri. Su uno sfondo in rapida evoluzione si proiettano cambiamenti epocali: l’orientamento al servizio, il nuovo ruolo della donna, la tecnologia che diventa conoscenza. Impresa e famiglia convivono in un dialogo affascinante ma complesso.

IL RUOLO DELLA FAMIGLIA DI ORIGINE
di Carla Facchini

Mentre appare tuttora notevole il ruolo delle zioni sociali familiari sulle scelte formative di fondodei ragazzi, limitata risulta invece la trasmissione diretta della professione tra i genitori e i figli. Su questa ridotta trasmissione tra le generazioni giocano un ruolo rilevante sia le trasformazioni del sistema economico-sociale e l’aumento del settore pubblico, sia soprattutto l’affermarsi di un modello culturale che pone come centrali nelle scelte dei giovani le loro aspettative e i loro interessi.

IL PORTAVOCE DITUTTI I DESIDERI
di Rosa Rosnati

L’attenzione dell’articolo verte sui risultati di una ricerca riguardanti un campione di famiglie con figli adolescenti di età compresa fra i 16 e i 19 anni. Da essa emerge che le femmine hanno aspettative scolastiche e professionali altrettanto elevate o addirittura più elevate dei loro coetanei. Solo un’esigua minoranza pensa in futuro di dedicarsi solo alla famiglia e alla casa: quasi tutte le ragazze ipotizzano di svolgere in futuro un’attività extradomestica e da questo sono orientate dai loro genitori. La ricerca mette in evidenza che le attese che i genitori hanno per l’avvenire dei figli incidono fortemente sull’elaborazione dei progetti da parte degli adolescenti. Un’analisi più dettagliata permette di rilevare che è la madre, più del padre, a incidere sulle scelte scolastiche e ancor più su quelle professionali degli adolescenti.

Famiglia Oggi - Home Page
Periodici San Paolo - Home Page
Famiglia Oggi n. 3 Marzo 1997 - Home Page