Periodici San Paolo - Home page

SOMMARIO

      

   Famiglia Oggi n. 4 aprile 1999 - Home Page

LA COPPIA CON FIGLI ADOLESCENTI
di Secondo Giacobbi

L’articolo affronta il problema dell’adolescenza da un’angolatura particolare: "Quali riflessi – si chiede l’autore – l’adolescenza dei figli può determinare sul rapporto di coppia dei genitori?". Ebbene, tali riflessi riguardano soprattutto tre aree del rapporto coniu-gale: la sessualità, l’area dei valori e degli ideali, l’area infine degli affetti inconsci che, provenienti dalla loro storia infantile, nutrono la vita affettiva dei coniugi. Vivaci esemplificazioni cliniche, tratte dall’esperienza dell’autore, consentono una riflessione concreta sul tema.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

IL PESO DEI PREGIUDIZI
di Domenico Barrilà

Difficile trovare una realtà tanto distorta dall’influenza dei pregiudizi quanto lo è l’adolescenza vista con l’occhio dei genitori. Gli adulti, sovente in difficoltà di fronte alle manifestazioni dei loro figli adolescenti, ricorrono a luoghi comuni che li allontanano ancora di più dalla prole. Sullo sfondo l’insidioso convincimento che l’adolescenza sia una sorta di "singolarità" nella vita degli individui, un’età "a parte", una malattia passeggera. Una volta accettato questo punto di vista segregante, si scivola in fretta nel conseguente alibi secondo cui il problema è nell’età e non nelle persone che si hanno davanti o nelle lacune dell’intervento educativo. L’effetto finale può essere tranquillizzante per l’educatore ma negativo per l’adolescente, che sente inascoltate le proprie inquietudini.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

L’IMPORTANZA DELLE REGOLE
di Corinna Cristiani

Il primo segnale che scuote la quotidianità è la fine della confidenza. Per i genitori che fino a quel momento si sono faticosamente sobbarcati le fatiche del ménage ma ne hanno avuto in cambio trasparenza ed effusioni, spesso è un dramma che non sanno affrontare, anche perché si sono scordati d’essere una coppia e riscoprire questa parte di sé è talvolta difficoltoso, perché ci si ritrova appesantiti, ingrigiti, un po’ stanchi, affaticati dal lavoro, dove i giochi spesso sono ormai fatti e le speranze di cambiamento difficili da sostenere. Così, invece di festeggiare questa tappa della crescita del figlio, spesso se ne coglie soprattutto l’aspetto di lutto del paradiso perduto.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

L’ETÀ INCOMPIUTA
di Severino De Pieri

L’adolescenza come "età incompiuta" è un dato sociale e culturale acquisito: interminata e interminabile. In questo contributo esso viene documentato con i risultati della più recente e completa ricerca al riguardo. L’adolescenza incompiuta e dilatata d’oggi comporta un’educazione prolungata, di cui si fanno carico le agenzie educative tradizionali come la famiglia, la scuola, le comunità ecclesiali e anche le nuove agenzie dei gruppi, del tempo libero, dello sport, dei mass media. In riferimento a questa rete di relazioni avvengono i processi di formazione dell’identità, nei quali gli stessi adolescenti si percepiscono come protagonisti della loro crescita.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

UNIVERSI DA ESPLORARE INSIEME
di Luisa Perotti

In società complesse e in rapida evoluzione come la nostra, molti studiosi attribuiscono proprio all’adolescenza il compito di raggiungere un’identità autonoma e stabile mediante una progressiva ma sostanziale indipendenza dalle figure parentali. Uno dei compiti più importanti e difficili dei genitori diventa quello di sviluppare nei figli convinzioni, atteggiamenti, valori orientati e finalizzati al rispetto di se stessi e dell’altro, all’autonomia, alla responsabilità. L’articolo considera i diversi metodi educativi genitoriali possibili: autoritario, iperprotettivo, permissivo, indifferente, accettante (o delle conseguenze naturali e logiche), indicando le risposte comportamentali che tali atteggiamenti inducono nei figli.

   Famiglia Oggi n. 4 aprile 1999 - Home Page