Periodici San Paolo - Home page

SOMMARIO

      

   Famiglia Oggi n. 5 maggio 1999 - Home Page

IL FIDANZAMENTO NELLA STORIA
di Giorgio Campanini

Nei limiti in cui ne è conservata memoria, al matrimonio si è giunti attraverso un "rito di passaggio" che ha assunto, nelle diverse epoche e nelle varie culture forme diverse: dalla presentazione alla famiglia d’origine del "pretendente" o della "promessa sposa" allo scambio di regali e di doni aventi un forte significato simbolico; alla stipulazione di veri e propri "contratti nuziali", aventi come oggetto la trasmissione dei beni da un nucleo familiare all’altro, spesso nella forma, a lungo persistita in Occidente, della "dote". Secondo l’autore, oggi l’innovazione rituale potrebbe essere rappresentata dalle pubblicazioni, da migliorare nella forma e prolungare nel tempo.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

SOVRANI NEL PROPRIO CASTELLO
di Gilberto Gillini, Mariateresa Zattoni

L’assenza di confini tra la giovane coppia e le famiglie d’origine rende difficile per tutti una crescita umana e affettiva che dia sicurezza. In particolare la coppia anziana diviene preda dell’equivoco tra confine ed estromissione e, molto probabilmente, conferma la propria incapacità di fare al figlio richieste sane. La giovane coppia diviene sempre più vulnerabile al potere del copione di genere, sempre più incapace di tracciare il perimetro della città che vuol fondare e, quindi, di prospettarsi in modo realistico la definitività e l’unicità del proprio rapporto, inventando un’intimità che non sia con-fusione.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

IL TEMPO DELLA CECITÀ
di Domenico Barrilà

Il primato assoluto delle componenti emotivo-sentimentali su quelle razionali, che caratterizza il periodo del fidanzamento, inclina i membri della coppia a percepire selettivamente il mondo dell’altro. Si può allora incorrere in omissioni e mascheramenti che presto o tardi presenteranno il conto. Proprio nelle pieghe di ciò che non si è voluto vedere o si è nascosto possono nascondersi i limiti che renderanno difficili l’eventuale matrimonio. È necessario allora vincere tali tentazioni se si vuole fare vera prevenzione al disagio matrimoniale.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

LE PULSIONI DA ORIENTARE
di Romano Forleo

L’autore affronta i problemi etici del rapporto sessuale nell’ambito dell’attuale coppia pre-matrimoniale. Rilevando la notevole libertà sessuale oggi presente, ne segnala limiti e pericoli per la futura stabilità di coppia. Pur valorizzando la sessualità come forza unitiva, anche nei suoi aspetti ludici, occorre sempre porre la vita sessuale di coppia all’interno di un più organico rapporto d’amore.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

UN SICURO ANCORAGGIO
di Giulia Paola Di Nicola

Pur nel generale riconoscimento della necessaria preparazione al matrimonio, è ancora insufficiente l’investimento sulla qualità del rapporto tra gli sposi. Sono essi che costruiscono la "nuova casa", la famiglia che si edifica con e grazie a loro. L’autrice pone al centro del riferimento formativo alcuni principi la cui applicazione richiede creatività personale, più propria dell’amore che dell’istruzione. Sono la fiducia e la responsabilità, il valore della testimonianza, il privilegiare il fragile, l’educarsi alla reciprocità.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

PROGETTARE È AMARE
di Enrico Solmi

La pastorale della preparazione al matrimonio e alla famiglia è un’acquisizione relativamente recente da parte della nostra Chiesa. Nasce con la consapevolezza che il fidanzamento e il matrimonio non siano più realtà scontate, nella sicurezza di una tradizione passata di generazione in generazione, ma bisognose di discernimento e di crescita.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

PREPARARSI ALLA VITA INSIEME
di Maria Vittoria e Maurizio Ravenni

L’esperienza dei Cpm si è ormai trasformata in metodologia di preparazione alla futura vita degli sposi. Due coppie di coniugi e un sacerdote, infatti, conducono gli incontri con i fidanzati per ottenere maggiore integrazione-confronto vocazionale e di piccola comunità. Gli operatori, però, dovranno mettersi in discussione sulle problematiche della vita di coppia, di fede, ecclesiali e sociali. Soltanto così proporranno un lavoro efficace e porteranno i promessi sposi a riflettere non solo su contenuti tecnici.

   Famiglia Oggi n. 5 maggio 1999 - Home Page