Famiglia Oggi - Home Page

SOMMARIO

   

      

Famiglia Oggi n. 10 ottobre 1997 - Home Page

LA POSSIBILE TRASFORMAZIONE
di Vittorio Cigoli e Cristina Giuliani

Gli autori analizzano alcuni aspetti dell’identità maschile secondo alcune ricerche nell’ambito della psicologia sociale della famiglia. Ne è emersa una grande variabilità dei modelli comportamentali e degli orientamenti valoriali che uomini e donne, rispetto al passato, rivelano nei ruoli di mariti e mogli, padri e madri. Il percorso della coppia coniugale, dal momento della sua formazione fino alla genitorialità e all’adolescenza dei figli rivela l’enfasi posta in questi anni sui temi dell’uguaglianza e della simmetria, nonché la difficile traduzione di molti aspetti di ruolo mitizzati in una diversa pratica comportamentale e relazionale. Le famiglie sembrano tuttavia in grado di rispondere a queste sfide attraverso la ricerca di una a negoziazione e di nuove forme educative.

LA CENTRALITÀ PATERNA NELL’ISLAM
di Khaled Fouad Allam

Attraverso la figura del padre le società tradizionali hanno modellato il complesso sistema della parentela. Il caso dell’islam è emblematico per due motivi: il primo è che la parentela è calcata su un sistema di tipo clani-cotribale antecedente all’islam; il secondo è che l’islam, pur contestando, inizialmente questo sistema, lo ha in seguito riconfermato con il diritto musulmano, mettendo in risalto la funzione del padre come capofamiglia e come veicolo degli ideali della comunità musulmana. Questa figura, oggi, è coinvolta in una contraddizione: il diritto musulmano esalta il suo ruolo, il mondo femminile e le altre frange importanti della società civile, lo criticano.

GUARDARE AVANTI A FRONTE ALTA
di Eugenio Fizzotti

Per indicare alcuni orientamenti per l’educazione alla nuova figura maschile occorre partire da una visione antropologica che metta in risalto tre aspetti: la radicale possibilità di prendere un atteggiamento verso ogni tipo di condizionamento; la ricerca di senso come motivazione primaria dell’agire umano; la molteplicità di risposte da dare agli appelli e ai compiti della vita. In tal modo si potrà educare allo spirito critico, al superamento del conformismo, al fatalismo, al totalitarismo e al fanatismo, all’ascolto della voce della propria coscienza, al confronto coraggioso con la responsabilità e la creatività.

UOMO E DONNA OLTRE LA MODERNITÀ
di Piersandro Vanzan

La tematica affrontata in questo saggio è della massima attualità. Si tratta infatti di oltrepassare gli esiti peggiori della tardo-modernità razionalista in chiave del migliore personalismo relazionale. E ciò sulla base di quell’antropologia biblica tridimensionale – carne, psiche, spirito (1Ts 5,23) – che, fondata in Gn 13, ha raggiunto la migliore sua espressione nella reciprocità uomo-donna stabilita da Gesù. Egli modellò l’icona unoduale (maschio-femminile) sull’emblematica relazione interpersonale del sommo mistero cristiano: Dio uno, ma in tre Persone, uguali e differenti (Padre-Figlio-Spirito). Né sfugga al lettore l’originale provocazione che lo studio riserva ai nuovi orizzonti, teorici e pratici, aperti dalla categoria pressoché ignorata: l’originale provocazione della "reciprocità asimmetrica".

UOMINI IN MEZZO AL GUADO
di Franca Fossati

Le donne sono cambiate, la loro nuova libertà è sotto gli occhi di tutti. Ma gli uomini? Sono stati capaci di mettere in discussione se stessi? È cominciato un nuovo dialogo tra i sessi? Un clamoroso e inquietante episodio di violenza maschile contro le donne rivela una preoccupante incapacità degli uomini di riflettere "a partire da sé", di delegittimare una genealogia maschile di sopraffazione e di dominio. Eppure la crisi dell’identità maschile è evidente nelle relazioni pubbliche e in quelle private, ma è ancora inconsapevole. Le nuove generazioni si ritrovano ad affrontare il cambiamento senza maestri e senza modelli. Accanto a loro solo l’attesa e il soccorso femminile.

LA MASCOLINITÀ RIVISITATA
di Nicoletta Diasio

Il sesso della persona ancora prima che un dato biologico è un processo sociale che spesso si compie in un lungo ciclo di costruzione della propria identità. Studi alquanto documentati mettono in risalto che, fra società vicine, i ruoli maschili e femminili rispondono a criteri mutevoli. La cultura interviene nel fornire orientamenti e schemi cognitivi e assegna un’identità di genere che spesso diverge dal sesso biologico. La cultura post-moderna rimescola le regole, introducendo un principio di disincantata ironia anche nel campo delle differenze sessuali.
         

Famiglia Oggi - Home Page
Periodici San Paolo - Home page
Famiglia Oggi n. 10 ottobre 1997 - Home Page