Periodici San Paolo - Home page

SOMMARIO

      

   Famiglia Oggi n. 8/9 agosto-settembre 2001 - Home Page

I NUOVI MOVIMENTI RELIGIOSI
di Massimo Introvigne

Tracciare una mappa dei "Nuovi movimenti religiosi" è importante perché ciascuno di essi segnala esigenze e credenze diffuse. Così, i movimenti a simbologia cristiana rimandano alle profezie apocalittiche e alla fine del mondo. Quelli di origine orientale indicano l’interesse che circonda le teorie della reincarnazione; quelli del potenziale umano e il New Age rinviano alla sacralizzazione del Sé che rischia, con il passaggio dal New Age al Next Age, di diventare "spiritualità del Me". I movimenti magici sottolineano, invece, il ritorno a credenze nella magia. Lo studio dei nuovi movimenti spiega i bisogni e le attese che muovono i loro aderenti e quali idee religiose o spirituali circolano in quell’area molto più vasta in cui si situa chi crede senza appartenere.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

LA FAMIGLIA SI INTERROGA
di Battista Cadei

Non è facile contemperare libertà di coscienza e doveri verso la famiglia. E se non conviene accettare il cambio di religione di un familiare in modo acritico, è ancora peggio affrontarlo in maniera conflittuale. Occorre superare certi pregiudizi contro le "sette". In ogni caso è importante non tagliare i ponti, capire e cercare intese. La giurisprudenza italiana tende a relegare la libertà religiosa nella sfera privata ma sarebbe più appropriato vederla nel contesto dei doveri sanciti dalla Costituzione. Inoltre, sarebbe auspicabile che il reato di plagio venisse debitamente formulato nel nostro sistema legislativo.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

UNA SFIDA PER LA CHIESA, PERCHÉ?
di Ferdinando Colombo

Perché certi italiani credono ai Testimoni di Geova e altri aderiscono ai gruppi ufologici? Il relativismo che afferma l’uguaglianza fra tutte le religioni e la non esistenza delle verità religiose si esprime in diverse forme e agli occhi dei cattolici meno preparati sembra che nella Chiesa regni la confusione. I movimenti religiosi che fanno proselitismo rilevano strumentalmente le carenze del mondo cattolico per mostrare che la risposta reale al "bisogno di verità" dell’uomo contemporaneo si trova unicamente nella loro dottrina. L’articolo mette in luce le cause che producono incertezze e suggerisce possibili soluzioni.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

ALLARME SETTE: IL "PANICO MORALE"
di Andrea Menegotto

Spesso i "panici morali", ingigantiti dai media, sono all’origine di documenti parlamentari che hanno lo scopo di contrastare eventi catastrofici. L’articolo esamina alcuni di questi rapporti evidenziandone pregi e difetti. La libertà religiosa ha naturalmente dei limiti oggettivi che non derivano da una nozione positivistica di ordine pubblico come semplice insieme delle leggi esistenti. Soltanto la raccolta di dati assolutamente attendibili potrà rispondere a quesiti di non immediata soluzione, soprattutto nei casi in cui – tanto più quando si tratta di minoranze "esotiche" o impopolari – rischiano di prevalere spinte emotive non supportate da una reale conoscenza di problemi e movimenti.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

NEW AGE E MEDICINE ALTERNATIVE
di Domenico Secondulfo

La convergenza tra medicine non convenzionali e New Age non è mai stata tematizzata, ma è ampia e profonda, sia nei contenuti, in quanto la "filosofia" di base e in particolare il concetto di guarigione li lega profondamente, sia sul piano storico, nelle radici comuni che i due movimenti hanno in Findhorn e nel movimento Hippie americano, sia sul piano sociale nell’importanza del gruppo e del rapporto con sé stessi che ambedue curano con molta attenzione.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

DALLO YOGA ALLA FEDE
di Daniela Bocciardi

Avere 33 anni e due figli, il marito e la villetta non bastano a tenere lontane le crisi esistenziali e religiose. L’esperienza raccontata dalla diretta interessata è illuminante. Vi si rintracciano i bisogni, le contraddizioni, i ritorni alla casa paterna, la rinascita. «Tutto è bene quel che finisce bene», recita il proverbio, che ben si applica a questa vicenda dal lieto fine. Ma chi l’ha vissuta mette in guardia altre persone perché non sottovalutino i certi campanelli d’allarme.

   Famiglia Oggi n. 8/9 agosto-settembre 2001 - Home Page