Famiglia Oggi.

Logo San Paolo.
Sommario.

Numeri precedenti.        

Cerca nel sito.       

n. 4 APRILE
2002

Sommario

EDITORIALE
Non aprite le porte al caso
La DIREZIONE

SERVIZI
apep00010.gif (1261 byte) Una strada che conduce al fondo
di MICHELE SFORZA

apep00010.gif (1261 byte) Psicologia del gioco d'azzardo sociale
di GIOACCHINO LAVANCO

apep00010.gif (1261 byte) Un mondo di numeri e riti
di MAURO CROCE

apep00010.gif (1261 byte) Trovare un equilibrio nuovo
di
CESARE GUERRESCHI

apep00010.gif (1261 byte) Strategie legali a confronto
di SARA DE MICCO

apep00010.gif (1261 byte) Costruire una rete di supporto
di
DANIELA CAPITANUCCI

apep00010.gif (1261 byte) Il privato si muove
di
STEFANO OLIVA

DOSSIER
Il gioco d'azzardo nei secoli
di TAZIO CARLEVARO

RUBRICHE
SOCIETÀ & FAMIGLIA
Al tavolo da gioco come in trappola
di BEPPE DEL COLLE

MASS MEDIA & FAMIGLIA
L'intelligenza non è maturità
di ELENA MANCINI
Nostalgia di miti familiari
di ORSOLA VETRI

MATERIALI & APPUNTI
Un'esperienza sul territorio
di ALESSANDRA SASSOLI e MELANIA BISESTO
La risposta della Capitale
di MELANIA BISESTO
Donne mute nei varietà televisivi
di FRANCA PANSINI

CONSULENZA GENITORIALE
L'importanza di saper perdere
di ARISTIDE TRONCONI

POLITICHE FAMILIARI
Il "bel Paese" dai soldi facili
di FRANCESCO BELLETTI

LA FAMIGLIA NEL MONDO
Mai più bambini come soldati
di ORSOLA VETRI

LIBRI E RIVISTE

 

EDITORIALE

Non aprire le porte al caso

La Direzione
   

La mania del gioco favorisce gli illeciti e la dipendenza. E con essa tanti problemi familiari. Solo la pazienza di chi vive con il giocatore riporterà fiducia e serenità.

In Italia il 58% della popolazione adulta tenta la fortuna. Lo dimostra l’indagine Eurispes secondo cui il volume di affari da gioco è in forte espansione, tanto che, solo tramite Internet, raggiungerà i 10 miliardi di dollari nel 2002. Inoltre, l’apertura delle sale Bingo (ne sono previste 700-1000) frutterà allo Stato oltre 2 miliardi di euro nei prossimi cinque anni.

Lotterie, Lotto, scommesse hanno un’evoluzione contrastante alternando periodi di crescita a periodi di crisi. La materia è dunque in continuo cambiamento. Non è quindi facile affrontare il tema senza incorrere in lacune vistose. Pur consapevoli del rischio abbiamo ritenuto utile una valutazione del fenomeno affidandoci come sempre agli esperti.

Il nostro punto di partenza è stato un interrogativo spesso disatteso dai grandi mezzi di informazione: come mai tanti italiani tentano la fortuna? Che cosa si cela dietro la voglia di giocare pur sapendo che si perde fino all’indebitamento?

Non ci sono teorie certe, ma molti ritengono che la mancanza di certezze porti le persone ad aprire la porta al caso. La ragione profonda del gioco è forse da individuare nell’atteggiamento di sfiducia che attraversa la società complessa, nonostante il diffuso benessere. Le numerose probabilità di sfondare e di farcela nella vita, come i media tendono ad accreditare presso la pubblica opinione, conducono a pensare che non valga la pena impegnarsi perché la società premia secondo i criteri del clientelismo, della raccomandazione, del familismo dimostrandosi ben poco disposta a riconoscere chi possieda talenti. Quindi tanto vale affidarsi al caso, nemico dichiarato del libero arbitrio, del talento, della libertà.

Per un certo verso, gli italiani si sono trovati spiazzati di fronte all’improvvisa impennata dell’offerta di azzardo, nata e sostenuta per soddisfare la crescente domanda e insieme per risanare il bilancio statale. Tuttavia, nel nostro Paese manca una vera cultura del gioco. Mancando tale cultura, anche a causa dei congeniti ritardi legislativi che conducono a situazioni mai chiare e spesso contraddittorie, la mania del gioco tende a svilupparsi disordinatamente favorendo gli illeciti, il vizio, la dipendenza con gravi ripercussioni sul tessuto familiare.

Ne è un esempio eclatante il videopoker, che partito in sordina qualche anno fa è oggi una passione che in molti casi diventa una ossessione. Per tamponare i problemi occorre riproporre i videogiochi come piacevole intrattenimento in cui la vittoria giunge anche per l’abilità del giocatore e non esclusivamente grazie alla sorte.

LA DIREZIONE








 

Your browser doesn't support java1.1 or java is not enabled!

 

Famiglia Oggi n. 4 aprile 2002 - Home Page