Famiglia Oggi.

Logo San Paolo.
Sommario.

Numeri precedenti.        

Cerca nel sito.       

n. 8/9 AGOSTO - SETTEMBRE
2002

Sommario

EDITORIALE
L'uomo e il suo pianeta: una partita a rischio
La DIREZIONE

SERVIZI
apep00010.gif (1261 byte) La terra in prestito dai nipoti
di FRANCESCO SAVERIO APRUZZESE

Il Paese più "biologico" dell'Unione
di ALBERTO FERRIGOLO

L'acqua è un bene comune
di RICCARDO PETRELLA

Alla ricerca del cibo "sano"
di
EMANUELE PICCARI

Conciliare in Tv gusti e fasce orarie
di DAVIDE DEMICHELIS

apep00010.gif (1261 byte) Dall'amianto alla raccolta differenziata
a cura di ORSOLA VETRI

DOSSIER
Un territorio bisognoso di cure
di FLORIANO VILLA

RUBRICHE
SOCIETÀ & FAMIGLIA
Giù le mani dal patrimonio artistico
di BEPPE DEL COLLE

MASS MEDIA & FAMIGLIA
La banalizzazione del viaggio
di LUCIANO DEL SETTE
Le correzioni fallite dei Lambert
di ORSOLA VETRI

MATERIALI & APPUNTI
«Senza l'agricoltura non c'è cibo»
di MARICA LATELLA
In prima linea per salvaguardare l'Italia
a cura di ORSOLA VETRI
Come le piazze seducono gli scrittori
di ROBERTO CARNERO

CONSULENZA GENITORIALE
Darsi un codice di etica ambientale
di SERENA CAMMELLI

POLITICHE FAMILIARI
La famiglia non è solo un affare di donne
a cura di PIETRO BOFFI

LA FAMIGLIA NEL MONDO
Italiani, studenti svogliati
di ORSOLA VETRI

LIBRI E RIVISTE

 

SOCIETÀ & FAMIGLIA - È IL DENARO L’IDEOLOGIA VINCENTE DI OGGI

Giù le mani dal patrimonio artistico

di Beppe Del Colle

L’idealismo crociano, Marx, la dottrina sociale della Chiesa sono divenuti secondari. Adesso impera l’economia, la nuova divinità cui sacrificare tutto. Anche l’identità di un popolo. La constatazione è davvero triste.

A metà dello scorso giugno, mentre il Parlamento aveva approvato definitivamente la legge istitutiva della "Patrimonio Spa" e della "Infrastrutture Spa"; mentre il Presidente della Repubblica l’aveva appena firmata, inviando però, con una iniziativa del tutto inconsueta, una lettera al Presidente del Consiglio per invitarlo a utilizzare quella legge con la massima attenzione a maggior tutela dei beni pubblici, «in primo luogo quelli culturali e ambientali», introducendovi opportune «norme correttive»; mentre infuriava una polemica fra il ministro dei Beni culturali Urbani e l’allora suo sottosegretario Sgarbi, sempre a proposito di quella legge, che affida in pratica al solo ministro dell’Economia la gestione delle due Spa (o almeno così era parso sia a Sgarbi, sia all’opposizione, sia allo stesso presidente Ciampi, che se no non si sarebbe preso la briga di scrivere quella lettera); ebbene, proprio mentre capitava tutto questo, guarda caso, uno dei temi proposti per la prova di italiano agli esami di maturità riguardava esattamente l’argomento in questione: la conservazione del «patrimonio artistico e monumentale che, oltre a rappresentare una importantissima testimonianza della nostra storia, costituisce al tempo stesso una primaria risorsa economica per il turismo e lo sviluppo del territorio».

Nulla da eccepire a quanto abbiamo scritto finora: il Governo terrà conto delle raccomandazioni del Capo dello Stato dove lo riterrà necessario (ma pare convinto d’aver fatto tutto il desiderabile in una materia tanto delicata quanto impossibile da definire in tutti i dettagli: un elenco dei patrimoni pubblici italiani è impensabile, né si può immaginare un ministro dell’Economia che decida di mettere in vendita il Colosseo).

Ciò che piuttosto emerge dal contesto della disputa tanto bizantina (quali e quanti ministri, in base a quali criteri, dovrebbero vigilare sulla tutela di quei beni? E in una stagione federalista, Regioni, Province e Comuni non hanno nulla da dire, visto che i relativi demanii hanno anch’essi beni in abbondanza? Che ne sarebbe della normativa vigente che divide i beni pubblici in alienabili e inalienabili?) è un aspetto che la polemica politica ha pressoché trascurato, forse per un eccesso di pudore (o di vergogna) ma che il tema per i maturandi ha citato con allegra noncuranza, come se fosse del tutto naturale: niente è da considerarsi intoccabile di fronte al denaro. Se lo Stato ha le casse vuote e non sa come rimediare al debito pubblico; e se l’idea principe della postmodernità italiana è il cosiddetto «sviluppo del territorio» in chiave economica, allora davvero non si vede perché non si debba «vendere il Colosseo».

L’ambiente – naturale o culturale, cioè tutto quello che ci circonda e fa parte della nostra vita e ci spiega a noi stessi – vale finché è di tutti, cioè di nessuno in particolare. Se si accetta per legge che possa essere venduto, o comunque, per dirla pudicamente con il ministro Tremonti, che si possa «valorizzare e ricavare un reddito da beni che fino ad oggi hanno rappresentato solo dei costi per le casse pubbliche», allora bisogna pur porsi un problema molto semplice.

Supponiamo – anche se l’ipotesi resta assurda – che la famiglia di magnati CQ & Sons decida di acquistare il Colosseo. Se lo fa per beneficienza, cioè accollandosi i costi sostenuti finora dallo Stato italiano e utilizzandolo nella maniera attuale, cioè per consentirvi le visite dei turisti, l’organizzazione di spettacoli, l’inserimento nella Via Crucis del venerdì santo, tutto bene.

Ma se lo fa per ricavarne il reddito che finora nessuno ha potuto realizzare con e nel Colosseo accogliendovi quelle attività, cosa può capitare? La cosa è del tutto indifferente al Governo, al Parlamento, alla collettività nazionale?

Monetizzare ogni cosa

L’esempio si può moltiplicare per un’immensa, incalcolabile quantità di volte: l’Italia è il più bel Paese del mondo, in tutti i sensi, nell’arte come nella natura, come nella varietà dei climi, come nella storia, come nei prodotti della terra. Si può considerare questa fortuna come intangibile, accontentandocene e ringraziando Dio, o convertirla in una "Patrimonio Spa" in base al principio che ciò che conta sono i soldi che può renderci mettendola a disposizione di chi vuol comprarla (o gestirla con mentalità d’impresa).

Un candidato sindaco a Torino propose, in campagna elettorale, di istituire un grandioso, efficiente Museo della Sindone (che peraltro già c’è, modesto ma a disposizione di tutti) per accrescere l’appeal turistico di una città finora ancorata alla sola risorsa industriale ma aumentando così – disse letteralmente – anche il significato della Sindone.

Il candidato non passò ma l’impressione è rimasta: qualcuno pensa che si possa far soldi con qualsiasi cosa. E se la gente gli dà retta, può anche capitare che il Colosseo, un giorno o l’altro, sia venduto per una qualsiasi ragione da un Governo legittimo, grazie a una legge altrettanto legittima, votata da un Parlamento pienamente democratico.

In tutto questo spiacevole e a tratti imbarazzante "caso Patrimonio Spa e Infrastrutture Spa" ciò che più ci ha colpiti è che l’idea di utilizzare l’ambiente come fonte di reddito economico e di incentivi allo sviluppo sia stata inserita in un tema d’esame per ragazzi di 18-19 anni. È la prima volta che capita, in una scuola italiana influenzata fino a pochi anni fa o dall’idealismo crociano, o dall’ideologia marxista, o dalla dottrina sociale cattolica. Adesso, l’ideologia vincente è quella del denaro. Ed è giusto che si imponga anche a scuola. Ma è anche un poco triste.

Beppe Del Colle








 

Your browser doesn't support java1.1 or java is not enabled!

 

Famiglia Oggi n. 8/9 agosto-settembre 2002 - Home Page