Famiglia Oggi.

Logo San Paolo.
Sommario.

Numeri precedenti.        

Cerca nel sito.       

n. 6/7 GIUGNO-LUGLIO 2004

Sommario

EDITORIALE
Per non costruire sulla sabbia
di DIREZIONE

SERVIZI
apep00010.gif (1261 byte) La famiglia ai tempi della Bibbia
di LIDIA MAGGI

apep00010.gif (1261 byte) Progettare insieme la pastorale
di DANTE LAFRANCONI

apep00010.gif (1261 byte) Riconoscere il ruolo della famiglia
di ANDREA GRILLO

apep00010.gif (1261 byte) Un bel sogno da realizzare
di MARIATERESA ZATTONI e GILBERTO GILLINI

apep00010.gif (1261 byte) Onora il tuo ex coniuge
di ERNESTO EMANUELE

apep00010.gif (1261 byte) Una minaccia inconsistente
di ARISTIDE TRONCONI

apep00010.gif (1261 byte) Sostenere chi vive "con" gli altri
di PAOLA DI NICOLA

DOSSIER
Famiglie: una prospettiva multiculturale
di THORAYA AHMED OBAID

RUBRICHE
SOCIETÀ & FAMIGLIA
Ribellarsi alla sottomissione
di BEPPE DEL COLLE

MASS MEDIA & FAMIGLIA
Uno spazio di condivisione
di FABRIZIO MASTROFINI
Segreti che si svelano
di ORSOLA VETRI

MATERIALI & APPUNTI
Da N’Djamena a Quarto Oggiaro
di MARTA e MARCO RAGAINI
Un punto di riferimento
di ROBERTO CARNERO
Scommettere sul futuro
di A CURA DELLA COMMISSIONE FAMIGLIA AC

CONSULENZA GENITORIALE
Sotto la croce, solo antenne e parabole
di SERENA CAMMELLI

POLITICHE FAMILIARI
Come giudicare le politiche familiari
di GIANPIETRO CAVAZZA e GIOVANNI BURSI

LA FAMIGLIA NEL MONDO
Tutti insieme a tavola
di ORSOLA VETRI

LIBRI & RIVISTE

 

MATERIALI & APPUNTI - I RAGAINI: MISSIONARI IN AFRICA E NON SOLO

Da N’Djamena a Quarto Oggiaro

di Marta e Marco Ragaini

Sei anni in Ciad e poi una nuova destinazione presso una parrocchia della periferia milanese. È il cammino di una famiglia "normale" che testimonia come la "sinergia" tra diverse vocazioni possa diventare cemento per la Chiesa locale.
  

Raccontando la nostra storia di famiglia missionaria, sentiamo sempre la difficoltà di trasmettere un’esperienza che a molti può apparire lontana. Tuttavia ci pare che sia un cammino che ha numerosi elementi in comune con le storie di altre coppie e famiglie. È in fondo la testimonianza di come, rispettando il ruolo e la vocazione della famiglia, si possa creare una "sinergia" con il ruolo e la vocazione del sacerdote, a servizio di una Chiesa locale, in particolare di una parrocchia. Le modalità concrete in cui questa "comunione per la missione" si realizza, potranno poi essere le più diverse. Vogliamo raccontare due fasi della nostra storia familiare: l’esperienza in Ciad (Africa centrale) in una fraternità missionaria composta da due famiglie e due preti, e in Italia, a Milano, nella parrocchia Pentecoste. Ci chiamiamo Marta e Marco Ragaini, sposati dal 1992, con tre figli. Abbiamo vissuto a N’Djamena, la capitale del Ciad, per sei anni, in fraternità con un’altra famiglia (entrambi medici missionari, con tre figli) e due preti. Siamo stati inviati dalla diocesi di Milano, in collaborazione con il Centro fraternità missionarie di Piombino. L’originalità di questa esperienza consiste nella dimensione comunitaria, tra vocazioni diverse, uomini e donne, celibi e sposati, laici e preti.

Una vita fraterna autentica, fondata sulla parola di Dio e orientata alla missione e al servizio alla Chiesa locale. In completa corresponsabilità, pur nel rispetto dei ruoli, abbiamo assunto la conduzione di due parrocchie di circa ventimila abitanti alla periferia della città, dedicando tempo ed energie alla preghiera, alla riflessione comune, alla progettazione pastorale.

Nello stesso spirito, anche il lavoro dei due medici presenti in fraternità era oggetto di riflessione e confronto, e un prezioso arricchimento per tutti. Questa diversità, costituita dalle sensibilità, relazioni, esperienze di ciascuno, si è trasformata in un’enorme ricchezza, certo non senza fatica. È quella che chiamiamo una «comunione a caro prezzo», valida e autentica proprio perché costruita e voluta con impegno e fiducia nello Spirito, sorgente di unità.

Siamo stati molto aiutati e arricchiti dalla sapienza e dall’esperienza della Chiesa e dei cristiani di N’Djamena. Come è noto, in Africa la famiglia rappresenta una dimensione fondamentale per la persona, al punto che il Sinodo africano ha adottato l’espressione "Chiesa-famiglia di Dio" per dare un’icona, un modello al volto della sua Chiesa.

L’aspetto forse più evidente di questo volto è quello della Comunità ecclesiale di base, in cui si riuniscono i cristiani, raggruppandosi per quartieri o per regioni di provenienza. Anche nelle nostre parrocchie esistevano una dozzina di queste comunità. Esse sono gestite e animate completamente dai laici, che svolgono diversi servizi, sia a carattere "religioso" (catechesi, funerali, assistenza ai malati, preghiera, riflessione biblica), sia nel campo della promozione umana (solidarietà con i poveri, alfabetizzazione, sanità di base, piccole mutue, impegno per la giustizia). La parrocchia diventa in questo modo la Comunità delle comunità, e la messa domenicale è veramente il centro della vita ecclesiale.

Questo modello di Chiesa, per noi nuovo e non riproducibile automaticamente in Italia, ci ha aiutato a capire meglio due elementi importanti del rapporto tra famiglia e parrocchia: la comunione è un aspetto centrale della vita della comunità cristiana, ma deve trovare dei luoghi in cui potersi realizzare. La piccola comunità a "dimensione umana" consente di creare amicizie, relazioni di aiuto, scambio vero di vita durante gli incontri di preghiera. In questo la famiglia può essere maestra per la parrocchia, poiché già vive al suo interno – non senza difficoltà e divisioni – la ricerca di una comunione vera e profonda, non funzionale a dei compiti da svolgere, ma gratuita.

Il legame fede-vita è essenziale per costruire un’esperienza di fede che non sia solo una patina superficiale, ma convinzione capace di dare anima a tutte le dimensioni della vita. Anche in questo le famiglie possono essere un richiamo forte alla concretezza della vita, a un annuncio del Vangelo incarnato nei problemi e nelle attese degli uomini di oggi, a una visione della quotidianità che non sia solo banale routine – quasi in opposizione all’intensità dei momenti "religiosi" – ma luogo teologico della presenza di Cristo.

Marta, Marco e 2 figli in Ciad.
Marta, Marco e 2 figli in Ciad.

Una nuova partenza

Al momento di lasciare il Ciad, durante la messa di saluto, un anziano della comunità ci ha rivolto queste parole: «Sappiamo che siete venuti qui inviati dalla vostra Chiesa di Milano. Ora che rientrate, vorremmo che non fosse solo un ritorno a casa, ma una nuova partenza. Ora siamo noi, cristiani di N’Djamena, che vi inviamo missionari nella Chiesa italiana».

Questo invio, oltre a crearci una certa trepidazione, ci ha motivati a cercare di continuare a vivere, anche a Milano, i due aspetti di comunità e di servizio alla parrocchia, che avevamo vissuto in Ciad. Con molta disponibilità, la diocesi ci ha proposto di avviare un’esperienza di fraternità con il parroco della parrocchia Pentecoste, nel quartiere Quarto Oggiaro.

Dal settembre 2001, abitiamo nella "canonica" e condividiamo con il parroco, don Alberto Bruzzolo, alcuni semplici momenti quotidiani di preghiera e della cena insieme. Abbiamo poi altri spazi settimanali e mensili per approfondire la parola di Dio e per progettare, insieme anche alla suora che segue la pastorale giovanile. A differenza del Ciad, l’impegno pastorale non è per noi un’attività a tempo pieno: entrambi lavoriamo all’esterno e dedichiamo il tempo libero all’impegno in parrocchia.

La logica di fondo è che questa esperienza deve "far bene" alla vocazione della famiglia e a quella del parroco. Massima attenzione, quindi, a cercare tempi e ritmi adatti, senza voler "strafare", ma assumendoci gli impegni possibili a una famiglia con figli piccoli.

Desideriamo piuttosto mettere l’accento sulla qualità della vita fraterna, che già di per sé è un’importante testimonianza e fonte, a sua volta, di maggior comunione in tutta la comunità. Inoltre, la presenza di una famiglia in parrocchia non risponde alla logica di "avere più forze a disposizione", ma piuttosto a quella di stimolare una maggior ministerialità e corresponsabilità. Preferiamo, cioè, una comunità in cui "tutti fanno poco", secondo le proprie doti e disponibilità, a una in cui "pochi fanno tutto".

Pur nella semplicità dell’esperienza, ci pare che la presenza di una famiglia in parrocchia possa contribuire a dare un volto più accogliente di Chiesa, anche, per esempio, nei confronti di chi si avvicina per la prima volta, magari per chiedere un sacramento o un servizio. Questo però, ancora una volta, non si realizza attraverso "attività", ma in uno stile di vita espresso in una casa accessibile, "con la porta aperta", nella disponibilità all’incontro, magari anche nella chiassosa simpatia dei bambini.

Conoscere le due strade

Teniamo a sottolineare come, forse per quanto sperimentato in Africa, questo modo di vita faccia del bene innanzitutto a noi come famiglia, ai nostri figli, che crescono così in un contesto ricco di relazioni.

È poi particolarmente ricca la collaborazione tra sacerdote e famiglia. Essa è espressione di una Chiesa-comunione non solo annunciata a parole, ma vissuta in prima persona. Il ministero del sacerdote ci pare "rafforzato" dalla vicinanza di una famiglia. Gli permette di conoscerne da vicino il ritmo di vita, i problemi, le gioie e le tensioni; di essere più concreto nella lettura della Parola. Al tempo stesso, però, anche per noi e per i nostri è molto feconda la presenza di don Alberto, con la sua ricchezza umana e spirituale, con la libertà e la gratuità di vita che gli vengono dal celibato e dal sacramento dell’ordine. E pensiamo che sia un bene per i nostri figli crescere avendo davanti agli occhi le due possibili strade, del celibato consacrato e del matrimonio, vedendone di entrambe la bellezza.

È un po’ come nel caso dei colori complementari, che si esaltano nella vicinanza reciproca. Per fare solo un esempio, il parroco, per il suo ministero, ha la possibilità di girare molto il quartiere, di incontrare molte persone diverse, è "proiettato all’esterno". La famiglia ha invece una forte capacità di accoglienza, per il fatto di avere una casa solitamente più curata di quella di un prete, per la qualità dei rapporti al suo interno, per la cucina, per la presenza dei figli. Queste due caratteristiche, la mobilità del prete e l’accoglienza della famiglia, possono integrarsi e potenziarsi molto bene.

In conclusione, desideriamo affrontare un nodo spesso presente a questo proposito: quello di pensare che la vita comunitaria possa sottrarre energie all’azione apostolica del prete. A nostro avviso, se si tratta di una comunità evangelica e non di un rifugio dalle difficoltà del ministero, è vero piuttosto il contrario: la comunione vissuta "in piccolo", con un cerchio ristretto di persone, abilita e allena alla comunione con tutti.

La comunità evangelica, per sua natura, si prolunga nella missione e nell’orizzonte della comunione universale. In questo, le diversità di vita di preti e sposati diventano una ricchezza e uno stimolo a maggior apertura. Se si può azzardare un paragone forse improprio, è come se dicessimo che l’amore tra la mamma e il papà certo non diminuisce, ma al contrario accresce, l’amore dei genitori verso i figli. La comunione è di quei beni che si moltiplicano dividendoli.

Marta e Marco Ragaini
   

VACANZE PER BAMBINI

Dove andare in vacanza con la famiglia sicuri di trovare un ambiente accogliente e a misura di bambini e genitori? A queste esigenze che toccano, secondo dati recentemente pubblicati, circa dieci milioni di famiglie in Italia, ci sono alcune, non tante, risposte.

A offrire una rassegna d’interessanti proposte ci ha pensato il Children’s Tour, la fiera tenutasi a metà del mese di aprile a Reggio Emilia proprio per la famiglia con figli "under 12". Alcuni consorzi nazionali e catene alberghiere hanno preso come impegno quello di far sentire la famiglia come a casa propria (offrendo tutti i comfort che l’ambiente domestico offre) e di specializzarsi nel turismo dei più piccoli.

Negli Italy Family Hotels (www.italyfamilyhotels.it) presenti in Liguria, Piemonte, Trentino, Toscana, Romagna e Marche, vige la regola di far sentire "l’ospite come un re, ma il bambino come un imperatore", fin dalla prima accoglienza in albergo con un piccolo regalo di benvenuto per i piccoli. Le camere sono dotate di culle, vaschette per il bagno, scaldabiberon e il televisore trasmette cartoons. È possibile, poi, noleggiare passeggini e biciclette con seggiolini, evitando poi di caricare oltremodo la macchina. Numerose comodità soprattutto nella ristorazione: orari flessibili per i pasti con menù su misura, seggioloni, i vari "mamma corner" che consentono in qualsiasi momento di accedere a una cucina attrezzata per preparare le pappe si uniscono all’assistenza medica garantita con la possibilità di visite pediatriche in albergo, di avere la sicurezza di piccole farmacie pediatriche e di avere libero accesso a lavanderie e stirerie.

Anche l’animazione è molto curata e pensata per l’intrattenimento dei bambini e per concedere un po’ di relax ai genitori: oltre ai servizi di baby-sitting su richiesta i mini o junior club dell’albergo pensano all’animazione in spiaggia, ai merenda-party, alle attività di gioco e divertimento, a laboratori e corsi divisi in fasce d’età e nel rispetto degli orari dei bambini.

Analoghe attenzioni sono riservate anche dal consorzio altoatesino dei Familienhotels (www.familienhotels.com) la cui tradizione mette questi servizi a disposizione delle famiglie che preferiscono le mete montane alla vita da spiaggia o altre proposte ancora attendono quei bambini che desiderano mettersi alla prova con le prime esperienze di "vacanze autonome": l’Associazione kinderheim italiana (www.kinderheim.it) propone soggiorni estivi e invernali in centri a gestione familiare.

Infine al genitore amante del web la rete riserva davvero una miniera di siti e informazioni: da come organizzarsi prima di iniziare un viaggio (www.vagabondo.net) allo scambio dei diari di viaggio per dare e ricevere suggerimenti quando si gira con i più piccoli (www.babyinviaggio.it).

Serena Gaiani








 

Your browser doesn't support java1.1 or java is not enabled!

 

Famiglia Oggi n. 6/7 giugno-luglio 2004 - Home Page