Famiglia Oggi.

Logo San Paolo.
Sommario.

Numeri precedenti.        

Cerca nel sito.       

n. 8/9 AGOSTO-SETTEMBRE 2006

Sommario

EDITORIALE
Senza clamore, immersi nel quotidiano
la DIREZIONE

SERVIZI
apep00010.gif (1261 byte) In cammino verso Verona
GIUSEPPE ANFOSSI

apep00010.gif (1261 byte) Nodi e priorità della pastorale familiare
SERGIO NICOLLI

apep00010.gif (1261 byte) La relazione tra laici e clero
MARIATERESA ZATTONI E GILBERTO GILLINI

apep00010.gif (1261 byte) La famiglia e la parrocchia
RENZO BONETTI

apep00010.gif (1261 byte) L’amore tra Cristo e la Chiesa
GIUSEPPE NEVI

DOSSIER
La Chiesa italiana si interroga
PIETRO BOFFI

RUBRICHE
SOCIETÀ & FAMIGLIA
Le sfide di una società ostile
BEPPE DEL COLLE

MASS MEDIA & FAMIGLIA
Un’ampia e ricca produzione libraria
STEFANO STIMAMIGLIO

Un thriller familiare
ORSOLA VETRI (a cura di)

MATERIALI & APPUNTI
L’importante è partecipare
FRANCESCA TONNARELLI GRASSETTI

L’esercizio della speranza
SERENA GAIANI

CONSULENZA GENITORIALE
Unità formale o sostanziale?
ARISTIDE TRONCONI

POLITICHE FAMILIARI
Figlio mio, quanto mi costi?!
DANIELE NARDI

LA FAMIGLIA NEL MONDO
Germania: minori che compiono abusi
STEFANO STIMAMIGLIO

NOTIZIE DAL CISF
Come accompagnare al matrimonio
FRANCESCO BELLETTI

LIBRI & RIVISTE

EDITORIALE

Senza clamore, immersi nel quotidiano

La Direzione
   

L’impegno della comunità cristiana a favore della famiglia e della vita rivela il volto amicale della Chiesa verso coloro che si misurano con i grandi problemi quotidiani.

L'attenzione, a volte quasi spasmodica, con la quale i grandi mezzi di comunicazione di massa seguono e commentano, talora, occorre pur dirlo, con scarsa simpatia e insieme con limitata competenza, gli interventi della Santa Sede e dei suoi organismi, nonché dell’Episcopato italiano, sui temi della famiglia e della vita, rischia di far passare sotto silenzio l’umile e oscuro lavoro che la Chiesa italiana sta da almeno mezzo secolo conducendo nell’ambito della pastorale familiare. Stanno a cuore della Chiesa, certamente, le leggi regolatrici della famiglia, gli interventi della sfera pubblica in ambito familiare, le decisioni adottate dal Parlamento in materia di tutela della vita umana, soprattutto di quella nascente; ma ciò non esaurisce certamente l’impegno della comunità cristiana a favore della famiglia e della vita. È, questa, una apparentemente piccola storia quotidiana che sfugge ai riflettori dei mezzi di comunicazione di massa ma che, alla fine, è quella che meglio rivela il volto amicale della Chiesa verso coloro che ricorrentemente si misurano con i grandi problemi della vita.

Che cosa fa la società civile per preparare quanti si accingono a sposarsi a celebrare un matrimonio ricco di valori e felice? Quale reale impegno, se non quello della registrazione quasi notarile della volontà di abortire o della crisi di un’unione, mette la comunità nell’affrontare le cause, sociali e prima ancora etiche, del rifiuto della vita o della rottura di un rapporto di coppia? Quale impegno viene svolto dalla scuola per educare a un approccio serio, responsabile, positivo, alla sessualità? Rispondere obiettivamente a queste domande equivale a riconoscere, e a constatare, un vuoto che con la pastorale della famiglia la Chiesa si sforza di colmare, grazie all’impegno volontario, e quasi sempre gratuito, di decine di migliaia di operatori, in gran parte laici, con un particolare apporto, fortunatamente crescente, di coppie di sposi che, dopo avere accolto il dono del matrimonio, intendono concorrere a trasmetterlo anche agli altri, ai credenti come ai non credenti.

La pastorale familiare è, appunto, il volto quotidiano, apparentemente dimesso ma in realtà luminoso e accogliente, di una Chiesa che riconosce nell’amore coniugale e nella famiglia che su di esso si fonda uno dei più grandi doni fatti da Dio all’uomo; un dono prezioso che va colto in tutta la sua valenza e va liberato da tutti i condizionamenti, e da tutte le ombre, espressi da una cultura che sta smarrendo il senso profondo dell’amore autentico.

Impegnandosi per la famiglia, e dedicando alla pastorale che la riguarda le sue migliori energie, con una presenza che riesce a toccare tutti i punti della geografia dell’Italia cristiana, la Chiesa non annunzia sè stessa ma l’amore di Dio per l’uomo e per la donna: ben consapevole che se questo messaggio andasse perduto il Paese sarebbe assoggettato a una preoccupante desertificazione degli affetti e dei sentimenti. Servire la famiglia non è servire la Chiesa ma, prima di tutto e innanzi tutto, servire l’uomo.

La direzione








 

Your browser doesn't support java1.1 or java is not enabled!

 

Famiglia Oggi n. 8/9 agosto-settembre 2006 - Home Page