Colloqui col padre.

La Lettera della settimana

   Famiglia Cristiana n.11 del 18-3-2001 - Home Page Il mondo visto da una provetta
LETTERA APERTA DI UN EMBRIONE AI "POSSIBILI" GENITORI

«Sono nato in "provetta". Non ho sentito il battito del cuore di mia madre. Cari genitori, salvatemi. Non soffocate il vostro amore in un laboratorio».

 «Cari mamma e papà, sono io, vostro figlio che vi scrive. Anche se ancora non sono nato vorrei già far sentire la mia voce. D’altronde, se voi mi avete voluto, vorrete anche ascoltarmi… Già, ma come potete ascoltarmi se non sapete nemmeno dove mi hanno portato e come sono stato generato? Comunque sono tante le cose che sento e che penso: il mondo visto da una provetta ha colori diversi rispetto a quelli che si possono scorgere fuori.

Volere un figlio proprio è un desiderio legittimo, ma volerlo ad ogni costo come oggi, può costare un prezzo troppo alto. La mia vicina di provetta è mia sorella, siamo figli dello stesso seme, siamo destinati a famiglie differenti. Avete pensato a cosa potrebbe succedere se un domani senza saperlo dovessi incontrarla, innamorarmi e magari sposarla? Voi sposereste vostro fratello o vostra sorella? Così mi state togliendo il diritto di innamorarmi!

Ma questa è solo una bazzecola, se pensate anche al resto: per me non ci sono diritti, dato che non parlo, non penso e... non guardo le partite di calcio. L’unica cosa di cui ho bisogno è una famiglia che mi voglia bene così come sono, e che mi aiuti a diventare grande e a farmi uomo. Ora invece mi sento importante quanto il divano nuovo del salotto: scelto in tono con l’arredamento e la tappezzeria, comodo e da sfoggiare davanti agli amici. Sta qui il vostro errore!

Io sono una persona, ho dei sentimenti, ho delle esigenze che vanno rispettate. Voglio una mamma e un papà; voglio conoscere i miei fratelli e le mie sorelle; voglio essere amato, non desiderato a ogni costo. Voi siete per me, non io per voi. L’amore è gratuito e quando vi sveglierò nel cuore della notte per farmi cullare, lo scoprirete.

Io sono nato in "provetta", non ho sentito il battito del cuore di mia madre, ho sentito il battito di un’estranea, sono cresciuto sentendo la sua voce, nutrendomi da lei. Una volta venuto al mondo sarò catapultato da voi che non conosco, benché abbia parte del vostro codice genetico. Magari avremo due generazioni di differenza, così alla mia prima partita di calcio voi non ci sarete perché sarete troppo vecchi. Cosa succederebbe invece se colei che ci ha prestato l’utero decidesse di tenermi con sé? Oppure, se voi vi stancaste di stare insieme, chi di voi mi terrà? Forse, il divano del salotto è più tutelato di me: si sa chi l’ha fatto, si sa di chi è. Io, invece, posso essere soppresso non appena uno di voi due cambia idea al riguardo. Allora cosa sono, una persona o il "Tamagochi" di turno?

Non volevo essere duro con voi, lo so che mi amate. Ma che cos’è l’amore? L’amore è innanzitutto rispetto. Il rispetto non è possesso: esso guarda e salvaguarda i diritti di tutti. Anche i miei. Non voglio mettermi a discutere se un embrione sia o meno una persona. Desidero però capire che tipo di amore dichiarate per me. Cosa ne sarà di me? Volermi ad ogni costo significa amarmi? Io sono dalla parte della vita. Quegli embrioni che sono soggetti a sperimentazioni e distruzione possono essere vostri figli… posso essere io.

Mamma, papà, cercate di capire anche me, salvatemi, non soffocate il vostro amore in un laboratorio. La vita è un dono gratuito, non l’esasperazione di un desiderio che brucia come un grande fuoco. E che come un grande fuoco si può spegnere».

Lettera firmata
   

(foto AP).
(AP).

Una lettera scritta da... un bimbo in provetta: espediente retorico che fa tornare in mente un antecedente famoso, quella Lettera a un bambino mai nato della giornalista Oriana Fallaci, che ha riscosso un meritato successo di pubblico. In comune le due lettere – fatte salve tutte le differenze – hanno lo stesso intento: portare in evidenza la condizione della vita umana prima della nascita e mettere a fuoco le scelte etiche che incombono sulle persone alle quali spetta la decisione che può mettere fine a una vita iniziata. In comune hanno anche il ricorso alla figura retorica di una lettera impossibile: quella di Oriana Fallaci il bambino non nato non la potrà mai leggere, così come il bambino in provetta non può scrivere ai suoi "possibili" genitori.

Quando si parla di retorica in genere non lo si intende come un complimento. Spesso si qualifica come retorico un discorso falso, in cui conta di più il modo come si dicono le cose che le cose dette. Non era così per gli antichi. La retorica era essenzialmente l’arte di convincere. Talvolta un artificio – come in questi casi cambiare il punto di vista, "mettendosi nei panni" di chi non è in grado di esprimersi – svolge una funzione molto utile. Ci trasporta al di fuori di cliché e modi abituali di pensare, mostrandoci volti nascosti della realtà. Nessuna esclusione a priori, quindi, di una fittizia lettera che venga dalla provetta, se serve a far intendere le buone ragioni che ci portano a riconsiderare gli inizi di una vita umana.

Ma, al di là della figura retorica – e anche poetica, se vogliamo – di un bambino che fa sentire la sua voce dalla provetta, possiamo attribuire un "io" a un essere umano in quello stadio? È corretto stabilire un’equivalenza tra embrione e bambino («Io sono una persona, ho dei sentimenti...», afferma la voce attribuita all’embrione)? Ci accorgiamo che la retorica, se non la teniamo sotto controllo, ci porta ad affermazioni audaci, al di fuori del quadro di riferimento costituito dalla ragione comune. Soprattutto è importante considerare che, anche senza un consenso sulla questione filosofica (e teologica) di quando inizia la vita umana, si può raggiungere un accordo sulla protezione da garantire al concepito.

È esemplare, a questo proposito, il parere del Comitato nazionale per la bioetica relativo alle tecniche di procreazione assistita, che risale al giugno 1994. Pur registrando il pluralismo delle opinioni, il Comitato nazionale esprimeva un accordo unanime nel proscrivere alcune pratiche di procreazione assistita (come la produzione di embrioni al solo scopo di farne oggetto di sperimentazione e ricerca, lo sfruttamento commerciale di gameti, embrioni e tessuti fetali, oppure la procreazione assistita ispirata a pregiudizi razziali).

Come si vede, alcune delle pratiche previste in questa lettera – per esempio, la distruzione di embrioni – vengono già escluse da un’etica che si ispira ad alcuni grandi princìpi condivisi nella nostra società, anche se non è possibile ricondurre tutte le posizioni etiche a un denominatore comune. Su altre, invece, il dibattito deve continuare con impegno e serenità, senza inutili e controproducenti crociate. Ed evitando soprattutto di far cadere sulle coppie che ricorrono all’aiuto della medicina per riuscire a concepire un figlio un’accusa generica di "consumismo" procreativo. Non tutte meritano i rilievi critici contenuti in questa lettera. Molte coppie sanno fermarsi in tempo, senza essere risucchiate da una specie di ostinazione a procreare, costi quello che costi: provano, riprovano, e se non ottengono l’esito sperato sanno canalizzare il loro desiderio frustrato di avere un figlio su altri obiettivi.

Così pure sanno distinguere tra pratica e pratica: non tutte le coppie che sono disponibili per una fecondazione in vitro si spingono fino ad accettare un utero surrogato. Molti si arrestano anche di fronte alla fecondazione artificiale con seme di donatore.

Già altre volte in questa rubrica abbiamo ospitato la voce di coppie che si sentono offese a causa di condanne sommarie, in quanto vengono equiparate ai comportamenti estremisti e provocatori di alcune persone che amano sfidare ogni limite e ogni forma di pudore e di decenza. La difesa della vita umana fin dagli inizi è una causa sacrosanta; ma non ci deve autorizzare – retorica o non retorica – a far cadere giudizi morali ingiusti su persone per le quali la sterilità è una grande sofferenza. Gli spericolati utilizzatori di tecnologie riproduttive fuori da ogni limite, compresi i limiti posti dal buon senso, sono pochi. Non vanno demonizzate a causa loro le tante coppie per le quali la medicina svolge una funzione semplice e preziosa: offre un aiuto per venire a capo di una patologia – in questo caso la sterilità – che getta un’ombra nera sulla vita.

d.a.

Segnala questo articolo

   Famiglia Cristiana n.11 del 18-3-2001 - Home Page

Copyright 2000 - Associated Press Italia Photo Communications. Tutti i Diritti Riservati.
Le informazioni/testi/foto/grafici contenuti nel report di AP News non possono essere pubblicate, diffuse, riscritte o ridistribuite senza il preventivo consenso scritto della Associated Press Italia Photo Communications S.r.l.