Gazzetta d'Alba n.15 del 11-4-2001 - Le ghironde di Silvio Orlandi
Periodici San Paolo - Home Page
Il musicista vive a La Morra, dove fa anche il liutaio, costruendo i tipici strumenti occitani

Le ghironde di Silvio Orlandi

di C. P.
   

   Gazzetta d'Alba n. 15 del 11-4-2001 - Home Page

A La Morra, in regione Berri, vive e lavora, quando non è in tournée per la penisola o il continente, Silvio Orlandi. È un autentico personaggio, uno di quelli che, sulle colline di Langa, percorrendo strade del tutto alternative rispetto al tipo d’imprenditoria che ha fatto la fortuna della zona, si sono ritagliati uno spazio significativo in un settore specifico, raggiungendo una fama che, se non è diffusa presso la generalità dell’opinione pubblica, specie di quella locale (è sempre difficile essere "profeta in patria"...), gli dà comunque una consolidata notorietà internazionale.

Cosa fa questo lamorrese un po’ sui generis per meritarsi tanta riconoscibilità?

È un musicista legato alla sonorità tradizionale occitana e provenzale e, soprattutto, costruisce splendide ghironde.

Lo presentiamo, "saccheggiando" i dati riportati dal suo sito Internet personale (http://digilander.iol.it/silvioorlandi, oppure http://www.silvioorlandi.3000.it).

Sergio Berardo, dei Lou Dalfin, suona una ghironda durante il concerto a Bra  (foto di Gianpiero Devalle).
Sergio Berardo, dei Lou Dalfin, suona una ghironda
durante il concerto a Bra  (foto di Gianpiero Devalle).

Una "carriera" davvero densa...

Tra i fondatori del movimento folk in ltalia, Silvio Orlandi ha fatto parte del comitato di redazione di Folkgiornale. Leader di Prinsi Raimund, gruppo di prestigio della musica tradizionale piemontese. Formatosi nel 1978, il complesso ha fatto conoscere le ballate e le danze tradizionali del Piemonte in tutta Italia, intervenendo in rassegne di musica popolare (Cantè j’euv 1979 e ’80 a Bra, Fiesta di Chementi 1979 e ’80 a San Daniele del Friuli, Settimana celtica del 1979 a Milano, Folk concertus 79 a Firenze, I suoni della memoria del 1981 in Sardegna, Rassegna di musica popolare cisalpina nell’81 a Reggio Emilia), e all’estero, con la partecipazione a importanti manifestazioni (Victor Jara Festival a Tübigen, Lenzburg Folk Festival in Svizzera, Winterfolkfestival in Olanda, ecc..).

Orlandi in seguito ha fondato i Malbruk (con Roberto Aversa) e i Moia (con Andrea Del Favero). Ha suonato anche con i seguenti artisti: Veronique Chalot (folk francese), La Sedon Salvadies (musica friulana), Current (musica celtica), Dançaires di Coumboscuro (danze provenzali), Abourasqui (musica occitana), Arpò (musica della Valle d’Aosta), La Lachera (danze di Roccagrimalda), Henno de Rose (Nöel provenzale). Il suo progetto artistico attuale (condotto con Vincenzo Corino) si esprime nel gruppo Falafel, il cui repertorio è costituito dalla fusione di musica popolare, jazz ed etnica.

Silvio Orlandi.
Silvio Orlandi.

Ha composto la colonna sonora (eseguita dai Prinsi Raimund) dello sceneggiato Rai Candido, tratto da Voltaire, per la regia di Alberto Gozzi, e la musica del lavoro teatrale Shakyamuni per la compagnia "Burattini del sole".

Come abbiamo già riferito, all’attività concertistica affianca quella di artigiano liutaio, costruttore di ghironde in particolare, e di insegnante di questo affascinante strumento che ci arriva direttamente da un passato disperso nelle nebbie della tradizione.

Dal 1995 propone anche un originale spettacolo con marionette a tavoletta, facendole ballare al suono della sua ghironda: un’antica tradizione che era diffusa nell’area piemontese e francofona. È un tipico spettacolo di "strada", indicato per festival e feste medioevali.

c.p.

   Gazzetta d'Alba n. 15 del 11-4-2001 - Home Page