Sommario.
Disegna e colora
Pasqualo Puzzle
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Canale G
 
 
PAOLO MENEGUZZI
E non dite che sono belloccio...


All’anagrafe Pablo Meneguzzo, il cantante Paolo Meneguzzi è nato a Lugano, in Svizzera, il 4 dicembre 1976. La sua è una famiglia legata alla musica: il padre Gomez in gioventù ha fatto parte di un gruppo rock, il nonno materno, Franco, ha dedicato tutta la vita all’arte: è stato compositore, ballerino e pittore. Corro via è il titolo del suo ultimo album, che contiene anche le canzoni Grande ed Era stupendo, con la quale ha gareggiato recentemente all’Eurofestival.
"Sapere che la mia musica vi fa sentire meno soli è per me un traguardo eccezionale".  
  

Paolo, all’Eurofestival che si è svolto a Belgrado hai gareggiato in rappresentanza della Svizzera. Ti senti più svizzero o italiano?

Sono nato nella Svizzera italiana e mi ritengo figlio di entrambe le nazioni.

É vero che hai ereditato l’amore per la musica da tuo nonno?

Avevo 8 anni quando nonno Franco mi regalò la mia prima chitarra. Dal quel giorno non ho fatto altro che suonare e ascoltare musica.

Che studi hai fatto?

Sono diplomato in ragioneria. Mentre studiavo, ho fatto parte di alcuni gruppi musicali e ho fatto anche il DJ. Finita la scuola avrei potuto lavorare in banca, ma sentivo che non era la mia strada.

Così hai cominciato a darti da fare nel mondo della canzone...

A un concorso ho avuto la fortuna di incontrare il produttore Massimo Scolari, che nel ’96 mi ha fatto partecipare al Festival di Viña del Mar, in Cile, in rappresentanza dell’Italia. Ho vinto con il brano Arià Ariò.

E in Italia?

Ho debuttato al Festival di Sanremo 2001, nella sezione Giovani, con la canzone Ed io non ci sto più. Mi sono classificato settimo. Al successo sono arrivato l’anno dopo, con il singolo In nome dell’amore.

Qual è la critica che ti ha dato più fastidio?

Quando hanno detto: "È un belloccio e funziona perché piace alle ragazzine". Questo mi dà fastidio. Però vado avanti per la mia strada. Canto e suono per chi mi vuole ascoltare.

Caro Zio Giò
Qui parliamo noi
Il Vangelo nelle tue mani
Obiettivo natura
Sport
Spettacolo
Chiedilo a Billa
Raffa per te
Fumetto
Giochi



Ecard
   

  
Pasqualo Puzzle

Abbonati on line!
 
Il Giornalino n. 24 del 15-6-2008
©2003 Copyrights - Periodici San Paolo s.r.l.