Your browser doesn't support java or java is not enabled! 


Dal 25 luglio

FC + il volume
a sole £. 8.900

  
mappa italia

 

Gli itinerari di

In edicola dal

Toscana

 23 maggio

Lazio-Umbria

30 maggio

Sicilia-Sardegna

6 giugno

Trentino Alto Adige
Friuli Venezia Giulia
13 giugno
Valle d'Aosta
Piemonte
Liguria
20 giugno
Veneto 27 giugno
Emilia Romagna
Marche
4 luglio
Puglia - Basilicata
Calabria
11 luglio
Campania-Abruzzo
Molise
18 luglio
Lombardia 25 luglio
     
Gli Itinerari d'Italia di Famiglia Cristiana

Famiglia Cristiana propone ai suoi lettori per le prossime settimane un viaggio alla riscoperta dell’Italia e delle sue ricchezze: una serie di dieci guide attraverso le regioni italiane, realizzate con la collaborazione del Touring Club, che verranno offerte a partire dal numero in edicola il 23 maggio con un piccolo supplemento sul prezzo: solo 8.900 Lire Famiglia Cristiana più Guida.

In totale, saranno ben 175 itinerari, appositamente studiati, che guideranno i visitatori attraverso le città d’arte e le mete minori, i musei famosi e raccolte dimenticate, i piccoli centri storici lontani dal turismo di massa e gli scenari naturali conservati nella loro integrità.

Si comincerà con la Toscana (che da sola occupa un intero volume di 160 pagine), 
per continuare con le altre guide (che riuniscono una o più regioni).

Attenzione particolare è stata dedicata, secondo la migliore tradizione del Touring, alla cartografia; oltre ai percorsi dettagliati, saranno pubblicate 14 piante su doppia pagina di grandi città per le quali sono stati realizzati itinerari tematici (per esempio: le catacombe cristiane a Roma, o la Palermo dei Normanni) e 32 piante di altre città.
Il tutto corredato di note tecniche e indicazioni pratiche.

Sul nostro sito seguiremo, settimana per settimana, l’uscita delle guide di Famiglia Cristiana fornendo i link preferiti e le curiosità del Web. Un’iniziativa culturale che speriamo possa essere di utilità ai lettori e serva a rilanciare il piacere di un turismo motivato e non superficiale.

http://www.alitalia.it Sito Ufficiale dell'Alitalia. All'interno: il Meteo. L'Italia vista dal satellite aggiornato ogni 2 ore.
http://www.enit.it  Sito dell'Ente Nazionale Turismo Italiano
http://www.parks.it Federazione Italiana Parchi e Riserve
http://www.fs-on-line.com Ferrovie dello Stato
http://ww.nettuno.it/fiera/igmi Istituto Geografico Militare
http://www.museionline.it I Musei italiani online
http://www.camping.it http://www.camping.it Una guida, regione per regione, ai campeggi e villaggi turistici in Italia.

        

Touring: in viaggio da più di un secolo

Con 105 anni di vita alle spalle (è stato fondato nel 1896) e oltre 550 mila iscritti, il Touring Club Italiano è una delle realtà associative più consolidate e diffuse d’Italia; uno spaccato rappresentativo di quella antica cultura del viaggiare che oggi deve misurarsi con la massificazione dei consumi e le trasformazioni degli stili di vita. Ne parliamo col professor Roberto Ruozi (nella foto), da pochi mesi chiamato alla presidenza del sodalizio.Professor Roberto Ruozi

  • Professore, in un secolo sono cambiati radicalmente i modi e i mezzi di fare turismo. Su quali valori si basa oggi la strategia del Touring?

«Direi che è ancora ispirato ai princìpi storici che oltre un secolo fa portarono alla sua fondazione: l’idea, cioè, di mettere a disposizione del Paese un’istituzione culturale che contribuisse alla miglior conoscenza delle persone, alla formazione dei cittadini e a una consapevole disposizione nei confronti dell’ambiente e dell’arte».

  • Com’è cambiata, nel tempo, la vostra base associativa?

«All’inizio era indubbiamente rappresentata da una certa élite culturale; oggi non più, si è allargata a tutte le fasce sociali. I nostri soci rispecchiano nell’insieme l’Italia attuale; sono persone che condividono i valori ideali nei quali si identifica l’associazione e che vedono nel Touring uno strumento per realizzare progetti intelligenti e buoni».

  • Avete una strategia specifica per quanto riguarda in particolare i giovani?

«Il 10 per cento dei nostri soci è rappresentato da giovani: non è poco. Negli ultimi anni il Tci ha compiuto notevoli sforzi, anche attraverso le scuole, per offrire loro strumenti specifici, sia nel campo editoriale sia delle manifestazioni. Oggi guardiamo ai giovani come a un investimento importante, nella preoccupazione di lasciare loro un Paese che sia godibile e da utilizzare con sapienza».

  • Quali ostacoli si oppongono oggi alla diffusione di un turismo davvero responsabile, e non solo d’evasione?

«Anzitutto la massificazione dell’attività turistica: che da un lato rappresenta un fatto positivo, poiché allarga la base delle conoscenze; ma dall’altro concentra l’attività sulle mete tradizionali più note, mettendone a rischio la tenuta. Occorrerebbe differenziare, avvicinare queste correnti di turismo non solo ai percorsi classici, ma anche verso quelli cosiddetti "minori"».

  • Il Touring ha allargato molto, in questi ultimi anni, la sua attività organizzativa di viaggi: non c’è il rischio che diventi prevalente rispetto a quella culturale?

«Il nostro bilancio, che è di 150 miliardi, è diviso equamente in tre attività, che sono quella dell’associazionismo, quella editoriale-cartografica e quella dell’organizzazione delle vacanze. Non c’è prevalenza di quest’ultima. D’altra parte, i nostri viaggi offrono anche un aspetto qualitativo e culturale che consideriamo una componente del servizio».

  • Veniamo agli "itinerari italiani" che Famiglia Cristiana pubblica in collaborazione col Touring Club Italiano: un’iniziativa quasi controcorrente, se pensiamo alla moda diffusa di un certo turismo esotico. Secondo lei, c’è ancora posto per una riscoperta dell’Italia da parte del turismo di massa?

«Certamente sì; il turismo esotico, che oggi "va" molto, è un fatto commerciale che non deve preoccupare il nostro Paese e non rientra negli obiettivi del Touring. Abbiamo da offrire una quantità di tesori come nessun altro Paese al mondo. Questo turismo, oltre a rappresentare un fattore di crescita culturale, può assicurare anche una preziosa fonte di occupazione per i giovani e rappresenta senz’altro un incentivo a prenderci cura del nostro patrimonio artistico». 

c.r.

L’arte, la natura, la cucina: l’Italia è servita

Comincia dalla Toscana, terra di antichi incanti, piena di fascino e tradizione, il nostro viaggio attraverso il Paese: con il numero 21 di Famiglia Cristiana uscirà infatti il primo volume degli Itinerari d’Italia, che sarà tutto dedicato a questa splendida regione, con 18 diversi tracciati turistici (e culturali) che vanno dalla Garfagnana alle Alpi Apuane, dalla Versilia alla Maremma. Natura, arte, tradizioni popolari e gastronomia andranno a braccetto, come in tutte le nostre guide.

Il viaggio prosegue sul numero 22 con due regioni di grande tradizione turistica, Lazio e Umbria, che saranno "esplorate" in cerca di ciò che si nasconde dietro le cartoline di facciata. La guida del numero 23 ci porterà in Sicilia e Sardegna: le due isole maggiori accomunate da una splendida natura e da tradizioni ancora ben vive. Trentino-Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia saranno le protagoniste dell’itinerario che apparirà con il numero 24 del giornale, mentre sul 25 toccherà alle tre regioni del Nordovest: Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria.

Il Veneto si prenderà da solo un intero volume, quello che uscirà con il numero 26. Da qui scenderemo verso Sud e ci fermeremo in Emilia-Romagna e nelle Marche (sul numero 27). Ancora più a Sud ci porterà il numero 28, sul quale la guida presenterà tre regioni: Puglia, Basilicata e Calabria. Gli ultimi due volumi degli Itinerari d’Italia saranno dedicati a Campania, Abruzzo e Molise (numero 29) e Lombardia (30).

 


Updated 26/02/02 -  Webmasters: srl, Via A. Severo 56 - Rome - Italy