Madre di Dio

 

N. 5 maggio 2007

  Maria nell'arte miniata - 5

  Un’esperienza intensa del Risorto, con Maria

Amici lettori

Che cos’è la bellezza?
    
Stefano De Fiores

Alle nozze di Cana Gesù mostra la sua gloria
    
George Gharib

L’Assunzione di Maria al cielo
    
Bruno Simonetto

Il valore autentico del rosario
    Giuseppe Daminelli

Fatima: Maria coinvolta nella storia
  
 Domenico Marcucci

L’anima mariana dell’apostolato
    
Alberto Rum

Messori e Ipotesi su Maria
    
a cura di Riccardo Caniato

La prima missione di Gesù per mezzo di Maria
    
Sergio Gaspari

Maria, Madre-vergine
    Simone Moreno

Fatti e persone
    
a cura di Stefano Andreatta

 Seguimi: una comunione di persone
    
Maria Di Lorenzo

In Libreria

Nella Famiglia Paolina
   
Don Giacomo Alberione

Santuari mariani d'Europa

 

Madre di Dio n. 5 maggio 2007 - Copertina

Editoriale

   

  
Un’esperienza intensa del Risorto, con Maria
   

Siamo nel mese di maggio, tradizionalmente dedicato a onorare la Vergine Maria. Ed è anche il tempo luminoso della Pasqua, che, come sappiamo, si estende per cinquanta giorni fino alla Pentecoste (quest’anno il 27 maggio): tempo di esultanza e di gioia dello Spirito per la vittoria di Cristo sulla morte e sul peccato. Inoltre, il mese di maggio si chiude con una festa mariana, quella della Visitazione, di cui ci parla padre Gaspari nel suo articolo.

È bello pensare che Maria abbia avuto un rapporto particolare con il Cristo Risorto. I Vangeli non ci dicono nulla riguardo a un incontro del Risorto con Maria, ma una lunga tradizione l’ha ritenuto, ragionevolmente, possibile. Così si esprime anche Giovanni Paolo II nella Lettera apostolica Rosarium Virginis Mariae (n. 23: «Maria dovette fare un’esperienza non meno intensa della nuova esistenza del Figlio glorificato»; cf n. 10). Maria ci aiuta così ad andare al cuore della fede e della speranza cristiana e a riscoprirne il fondamento (RVM n. 23).

Cristo risorto appare alla Vergine di Roger van der Weyden (1440 ca.), dettaglio della pala d’altare Miraflores (Staatliche Museen, Berlino).
Cristo risorto appare alla Vergine di Roger van der Weyden (1440 ca.), dettaglio
della pala d’altare Miraflores (Staatliche Museen, Berlino). Una strada riunisce i due eventi
della risurrezione di Cristo (sullo sfondo) e dell’apparizione di Cristo a Maria:
come a dire che, appena risorto, Cristo è andato dalla Madre.

Venendo al nostro numero, padre De Fiores prosegue la sua riflessione sulla "via della bellezza" nella teologia mariana; padre Daminelli ci illustra le ragioni profonde della preghiera del rosario; padre Rum ci presenta Frank Duff, il fondatore della Legione di Maria, e la spiritualità di questa associazione.

Il 13 maggio ricorrono i 90 anni della prima apparizione di Fatima: a questo straordinario segno della presenza materna di Maria nella storia è dedicato l’articolo di don Marcucci, già responsabile di Madre di Dio negli anni ’80-’90. Proseguono le rubriche di don Simonetto, di Moreno e di Maria Di Lorenzo. Infine, uno degli ultimi articoli di don Alberione pubblicati su Madre di Dio, risalente al 1963.

A tutti l’augurio di un santo tempo pasquale, illuminato dalla gioia della risurrezione e accompagnato dalla presenza di Maria.

Il Direttore