Periodici San Paolo - Home Page

Realtà mariane del terzo millennio

Un Carmelo aperto 
nel cuore di Roma

   

   Madre di Dio n. 2 febbraio 2001 - Home Page Lo spirito di S. Teresina con lo stile del Cordon Bleu: è l’insolita "ricetta" dell’Eau Vive, per realizzare un Vangelo veramente incarnato nel mondo.

di MARIA DI LORENZO

Circola da tempo una battuta che ha il sapore di un paradosso: "Neanche lo Spirito Santo sa quante sono le famiglie religiose presenti sulla terra!". Questo per dire la gran varietà di congregazioni presenti nel mondo, che a dire il vero ha fatto sbocciare proprio lo Spirito sul grande albero della Chiesa cattolica per corrispondere, secondo un provvidenziale disegno di Dio, alle diverse necessità dei tempi.

Oggi, nel nostro viaggio ideale dentro le realtà mariane del terzo millennio, vogliamo far conoscere ai nostri lettori l’associazione delle Lavoratrici Missionarie dell’Immacolata, che gestiscono i ristoranti della catena Eau vive: un’originale famiglia religiosa creata 50 anni fa a Parigi dal sacerdote Marcel Roussel perché fossero delle "carmelitane in mezzo al mondo", delle "messaggere di Maria" in ogni angolo della terra secondo lo spirito di S. Teresa di Gesù Bambino.

Nato in Francia l’8 giugno 1910, il giovane Marcel fin da seminarista dirige i suoi passi sul sentiero tracciato da Teresa di Lisieux, assorbendone la sua semplice e al tempo stesso vertiginosa spiritualità. Ordinato sacerdote, fa proprie le preoccupazioni della Chiesa espresse in Francia dall’appello del cardinale Suhard perché si prenda coscienza della profonda scristianizzazione del Paese.

Curato a Byans-sur-Doubs negli anni Quaranta, scrive: "Come mi attirano le masse paganizzate; vorrei evangelizzarle con l’aiuto di giovani completamente donate a Dio, delle vergini…". È la prima luce che fa capolino nel suo cuore per illuminarlo, sia pure confusamente, sulla sua futura missione.

Preghiera e servizio: una Lavoratrice Missionaria in raccoglimento davanti alla statua della Vergine posta all’ingresso e mentre apparecchia i tavoli (Foto Di Lorenzo).
Preghiera e servizio: una Lavoratrice Missionaria in raccoglimento davanti alla statua della Vergine posta all’ingresso e mentre apparecchia i tavoli (Foto Di Lorenzo).

"Se tu conoscessi il dono di Dio…"

Sopra il letto nel suo appartamento vicino Parigi P. Marcel ha un’immagine di Gesù con una scritta: "Ho sete". Le stesse parole, il grido di Cristo sulla Croce, che erano risuonate nel cuore di Teresa. Il giovane prete legge e rilegge i testi della santa, la interroga, si rivolge a lei nella preghiera; si reca sovente al Carmelo di Lisieux in cerca di luce.

Come Teresa, P. Roussel riflette su questa sete ardente di Dio, questo riversare il suo Amore nel cuore degli uomini, un Amore che si dà come un fiume di Acqua Viva che lava, purifica e fa vivere. Riflette sul desiderio immenso che Dio ha di essere amato dalle anime versando in esse i torrenti della sua infinita Misericordia. Ma tanti ancora non conoscono il suo Amore o lo disprezzano, tanti ignorano il suo volto più vero, l’assoluta gratuità. Pensa infatti al passo del Vangelo che racconta l’incontro di Gesù con la Samaritana al pozzo di Giacobbe: "Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: ‘Dammi da bere!’, tu stessa gliene avresti chiesto ed egli ti avrebbe dato acqua viva." (Gv 4,10).

La notte di Natale del ‘48 P. Roussel sta celebrando a Saint Denis, assieme ad alcune giovani che saranno le future Lavoratrici Missionarie, la Messa di mezzanotte. Al momento dell’elevazione del calice per la Consacrazione, Carmen, una prostituta del quartiere, viene uccisa con un colpo di coltello al cuore: P. Roussel vi legge un misterioso richiamo del Signore.

Mosso dallo Spirito, l’11 febbraio 1949 fonda il Gruppo Donum Dei (che poi, nell’84, si chiamerà Legione Supplicante e Riparatrice) destinato a pregare e a offrire messe per la conversione delle prostitute. Il gruppo di preghiera cresce, si allarga. Esattamente un anno dopo, l’11 febbraio 1950, P. Roussel riunisce alcune giovani a cui dà il nome di Travailleuses Missionnaires de l’Immaculée (Lavoratrici Missionarie dell’Immacolata). Una famiglia di vergini laiche in mezzo al mondo per perpetuare la missione di Teresa di Lisieux. Scriveva a tal fine padre Marcel: "In mezzo alla massa, la missionaria sarà come un polo d’attrazione dell’Amore divino. Riceverà in se stessa tutto l’amore che i lavoratori indifferenti o pagani non vogliono accogliere… Avrà realizzato il desiderio di Teresa: missionaria in pieno mondo pagano, essendosi offerta come vittima all’Amore Misericordioso".

Toccando infatti il vertice della vita cristiana, la santa di Lisieux il 9 giugno 1895, appena due anni prima di morire, aveva pronunciato la sua offerta all’Amore Misericordioso: "Mio Dio! Trinità beata, desidero amarvi e farvi amare…", e sul letto di morte aveva ripetuto: "Chiedo a Gesù ch’Egli si scelga una legione di anime semplici, che si offrano come vittime d’olocausto al Suo Amore Misericordioso…".

Questa famiglia religiosa è dunque la concretizzazione di un grande desiderio apostolico – non realizzato – di S. Teresina, lei che aveva desiderato far amare Dio e portarlo fino agli estremi confini del mondo, se solo le fosse stato concesso. Che cosa direbbe oggi tornando sulla terra se scoprisse questo singolare Carmelo nato nella sua scia?

Un momento di danza nell’Eau Vive di Roma (Foto Eau Vive).
Un momento di danza nell’Eau Vive di Roma (Foto Eau Vive).

Metti una sera a cena

Evangelizzare con un arrosto cotto o con salmone e pommes frites, con una soffice mousse di cioccolato e altre prelibatezze. Sono gli insoliti "ingredienti" dei ristoranti Eau vive. Uno è in funzione da molti anni nel cuore di Roma, al numero civico 85 di via Monterone, a due passi da Montecitorio. Tavoli con la tovaglia verde, piccoli bouquet di fiori. Saloni con volte affrescate, rinascimentali. Alle pareti grandi fotografie che ritraggono Teresa di Lisieux, mentre una Madonna tutta bianca all’ingresso "riceve" i clienti unendo le sue mani in un dolcissimo gesto che sa di accoglienza e materna sollecitudine.

Che impressione fa ai clienti dell’Eau Vive, domando alla responsabile Renée Prieur, l’entrare in un ristorante e trovarvi la statua della Vergine proprio all’ingresso?

Lei scuote la testa e ride: "E’ effettivamente una bella sorpresa per chi ignora la nostra realtà, un po’ spiazzante… Molti clienti infatti vengono senza sapere niente, però subito percepiscono di trovarsi in un ambiente diverso. Sono turisti, uomini d’affari, di diversa religione, spesso non credenti. E fanno domande, vogliono sapere, vogliono capire. Il nostro apostolato consiste proprio in questo: la cucina e la sala per i clienti per noi sono gli spazi in cui testimoniare il Vangelo. Un Eau Vive è come un Carmelo nel mondo, un Carmelo aperto dove si distribuisce l’Acqua Viva…".

Ragazze di diversa nazionalità con mani esperte apparecchiano i tavoli per la sera. Indossano lunghe tuniche variopinte, gli abiti dei loro paesi d’origine che sono Burkina Faso, Filippine, Vietnam, Nuova Caledonia, Zaire. E’ una famiglia internazionale quella dell’Eau Vive (ma non ha nessun membro del nostro Paese), presente oggi in tutti i continenti e con molteplici apostolati: catechesi e formazione spirituale, soprattutto per mezzo del rosario meditato, incontri nelle carceri, nelle fabbriche, negli ospedali, tra le persone sole, le prostitute, gli emarginati, quelli che buttano via inutilmente la loro vita perché non conoscono ancora il "dono di Dio". Sono sorelle di ogni razza, bianche, nere, gialle, che vivono in un clima di famiglia e grande fraternità: una ragazza italiana non ci starebbe male.

La responsabile dell’Eau Vive di Roma, Renée Prieur (Foto Di Lorenzo).
La responsabile dell’Eau Vive di Roma, Renée Prieur (Foto Di Lorenzo).

La Donna perfetta

"Ogni sera - racconta Renée - durante la cena a un certo punto c’è il canto dell’Ave Maria di Lourdes, spesso preceduta da una danza liturgica incentrata su qualche passo del Vangelo (la danza infatti fa parte del bagaglio formativo di ogni lavoratrice missionaria, insieme alla teologia e alla cucina), a cui segue la preghiera. Si abbassano le luci, si accendono dei ceri portati in processione e tra i commensali non è raro vedere qualcuno che ha i lucciconi agli occhi. Molti dei nostri clienti poi sono turisti provenienti dalla Scandinavia – lei precisa – ed è un vero piacere sentirli intonare l’Ave Maria, del tutto spontaneamente, e sono come sappiamo protestanti, tra loro non v’è l’uso di venerare la Madonna. La nostra famiglia religiosa è uno strumento nelle mani di Maria per compiere la sua missione nel mondo".

Riflettendo sulla nuova famiglia missionaria, p. Roussel sosteneva: "Realizzando il programma di Teresa guardiamo sempre anche Maria, modello missionario. Prima di Teresa ella si è offerta per ricevere l’Amore Misericordioso. Per contenere l’Amore, ella ha dato non solo la sua anima, ma la sua carne di Madre".

P. Marcel Roussel mentre celebra la S. Messa.
P. Marcel Roussel mentre celebra la S. Messa.

Scriveva ancora: "Maria è il più bello dei Tabernacoli non fatto da mani umane. Maria è il Tabernacolo Vivente che porta sempre in sé il Figlio e la Santa Trinità. Oh, questo Tabernacolo immacolato, guardatelo spesso! Ben presto vi scoprirete la presenza del Maestro. Sentirete le Sue parole. Vi abbraccerà con lo sguardo pieno di amore e di perdono. È lì nel cuore di Sua Madre che Gesù vi aspetta. E dirà anche a voi: il Messia, il Salvatore, sono Io che ti parlo. L’acqua viva, sono Io che la dò".

L’Immacolata per prima ha creduto all’Amore e ha ricevuto il dono di Dio. È la Donna perfetta, madre e modello. Dice infatti Renée Prieur: "La nostra devozione verso Maria è il pilastro spirituale del nostro essere consacrate: al momento dello Sposalizio con Gesù noi riceviamo l’abito di Lourdes, bianco con la fascia azzurra. Portiamo inoltre lo scapolare del Carmelo, facendo la professione come terziarie carmelitane. Il Carmelo del resto è nato per Maria, no?

E anche la nostra spiritualità, malgrado le apparenze, è tutta contemplativa. L’Eau Vive è un Carmelo nel mondo in cui la contemplazione è vissuta nelle varie occupazioni quotidiane, mettendo insieme servizio e preghiera. Tutto il nostro lavoro è adorazione ed offerta, è così che siamo autenticamente missionarie".

Maria Di Lorenzo

   Madre di Dio n. 2 febbraio 2001 - Home Page