Madre di Dio

 

N. 02 febbraio 2005

Con Maria, Regina degli Apostoli

L’Immacolata di Lourdes e le "giare vuote" del mondo d’oggi

Amici lettori

Maria offre Gesù al Padre
  
Gabriele Amorth

Affidati alla madre dei discepoli di Cristo
  
Stefano De Fiores

Esegesi biblica dell’ "Angelus "
  
Simone Moreno

La santità di Maria di Nazareth
  
Giuseppe Daminelli

Maria, maestra di vita spirituale
  
Alberto Rum

Cana, icona eucaristico-mariana
  
Bruno Simonetto

Fatti e persone
  
a cura di Bruno Simonetto

La Madonna di Saidnaya, il maggiore Santuario della Siria
  
George Gharib

"… piena di grazia "
   David M. Turoldo

 La "Madonna della giungla" patrona del Venezuela
  
Maria Di Lorenzo

In Libreria

Il Magnificat di Don Alberione - 2
  
Bruno Simonetto

Santuari mariani d'Italia

 

Madre di Dio n. 02 febbraio 2005 - Copertina

ADRA – Associazione Devoti della ‘Regina degli Apostoli’

di BRUNO SIMONETTO

Con Maria, Regina degli Apostoli
   

Continua la pubblicazione, in questa rubrica, delle dichiarazioni di disponibilità di Lettori ad aderire all’ADRA, non appena sia formalmente costituita.

Ci scrivono…

1] Scrive Romeo De Paola da Prato Perillo Teggiano (Salerno):

"Illustre Direttore, sono un giovane papà affascinato da Don G. Alberione, maestro di vita spirituale, che ho conosciuto grazie al volumetto "Un anno con Don Alberione", supplemento allegato alla Vostra rivista negli anni passati.

Così vengo a Lei con il mio ‘grazie’ per l’ispirazione di promuovere ora un’Associazione dei devoti di Maria "Regina degli Apostoli" [ADRA], per la diffusione della spiritualità mariana del Beato Alberione, che certamente è ancora tutta da far conoscere nella Chiesa.

Mentre mi riservo di fare l’Abbonamento a "Madre di Dio", Le chiedo di inviarmi intanto i numeri della rivista che portano la pubblicazione del "Regolamento – Statuto" preparato per detta Associazione. E mi auguro che, con il riconoscimento ufficiale della stessa, la Vostra rivista dedichi molto più spazio alla formazione ‘integrale e permanente’ di un itinerario mariano di santificazione secondo il carisma alberioniano, anche per chi non ha la grazia di vivere nella Famiglia Paolina.

Grazie anche per aver editato il prezioso volume "Il Magnificat di Don Alberione", dono natalizio a tutti i Lettori di "Madre di Dio", nel 50° di Dedicazione del Santuario "Regina degli Apostoli" in Roma.

Per parte mia – impegnato come sono nella famiglia e nel mio negozio – non posso partecipare ai Vostri progetti che con la vicinanza nella preghiera […]. [f.to: Romeo De Paola]

** Grazie, caro Romeo De Paola, per la simpatia che ci riserva, nel comune intento di vivere e promuovere la spiritualità mariana dell’Alberione. La partecipazione all’Associazione proposta sarà certamente motivo di crescita nella devozione alla "Regina degli Apostoli" e fonte di tante grazie per tutti.

Il Beato Don G. Alberione alla finestra del suo studio, di fronte la Santuario "Regina degli Apostoli".
Il Beato Don G. Alberione alla finestra del suo studio, di fronte la Santuario "Regina degli Apostoli".

2] Il Parroco di "Santa Maria Assunta" in Migliano [Perugia], don Italo Paparelli, ci scrive illustrando le tante iniziative pastorali, culturali e associative che lo hanno visto protagonista in 47 anni di ministero nella stessa Parrocchia. Ora, in occasione del suo 50° di Sacerdozio, esprime il desiderio di "presentare in Consiglio Parrocchiale la proposta di iscrizione all’ ADRA per i [suoi] Parrocchiani…" .

** L’appartenenza Sua e dei parrocchiani all’ "Associazione Devoti della Regina degli Apostoli", reverendo e caro don Italo, sarà come il coronamento di tanto bene da Lei compiuto in mezzo secolo di Sacerdozio.

Appena avremo perfezionato l’avviamento dell’ADRA, sarà nostra premura informarLa. Affidiamo intanto alla Vergine il Suo lungo e fecondo ministero, insieme con i fedeli della Parrocchia "Santa Maria Assunta" di Migliano che speriamo avere presto a noi vicini nella devozione a Maria, "Regina degli Apostoli" e "Madre universale di Grazia".
   

3] Don Piero, Parroco di "Sant’Antonio Abate" a Veglie (Lecce), rompendo gli indugi dell’attesa di Approvazione canonica dell’ADRA, ha dato per primo il ‘via’ all’Associazione nella sua Parrocchia, comunicandoci quanto segue:

"Carissimo Direttore, ti comunico che questa sera, con la Celebrazione Eucaristica delle ore 17,30 [del 17 Novembre 2004], daremo inizio all'esperienza di preghiera dell'Associazione; e subito dopo la celebrazione ci fermeremo a leggere e conoscere lo Statuto dell'ADRA.

Ho desiderato iniziare il cammino del Gruppo con la Celebrazione Eucaristica, con il Cenacolo, come ci insegna il Beato Alberione nella sua vita: nascere e partire sempre dall'Eucarestia, Mistero e Presenza di Gesù Maestro e Sommo Sacerdote.

Nel Cenacolo questa sera desideriamo incontrare la Vergine Maria, Madre e Regina; e con tanto tremore osiamo sentirci suoi discepoli e desiderare di essere alla sua scuola e alla scuola del Figlio suo. A Cristo Eucarestia chiederemo il dono dello Spirito Santo, lo stesso Spirito che ha agito in Maria, all'inizio del suo cammino di fede con Dio, e ha compiuto in Lei meraviglie.

Chiediamo allo Spirito di compiere le meraviglie che ha riservato per noi, per renderci capaci di quella missionarietà di cui il mondo ha tanto bisogno.

Pregheremo per te e per il tuo ministero, chiedendoti il contraccambio nella preghiera. [f.to: in Cristo, don Piero Tundo]

** Grazie a te e ai tuoi Parrocchiani, primizia dell’Associazione "Devoti di Maria Regina degli Apostoli", caro don Piero.

Che la Madonna custodisca il Vostro fervore e Vi ricompensi della generosità nel servire il Signore, testimoniandolo "eucaristicamente" tra i fratelli, nello spirito di Don Alberione.

Don G. Alberione guarda dalla finestra del suo Studio il Santuario "Regina degli Apostoli".
Don G. Alberione guarda dalla finestra del suo Studio il Santuario "Regina degli Apostoli".

4] Diversi Lettori, avendo ricevuto in omaggio, con il num. di Dicembre 2004, il volumetto "Il Magnificat di Don Alberione" [centrato, come noto, sulla illustrazione degli ‘Appunti’ di straordinaria profondità e bellezza dell'opuscolo manoscritto del 1947 Via humanitatis, storia della Salvezza, che esprimono il vertice della mariologia dell'Alberione, della rivista Madre di Dio e del Santuario – Basilica Minore della Regina degli Apostoli: una specie di ‘trilogia’ del Magnificat del Fondatore della Famiglia Paolina], ci chiedono come mai non si è riservato – in questo libro-omaggio – uno "spazio adeguato" per illustrare natura e finalità dell’ ADRA.

** Agli Amici Lettori che ci hanno scritto, anche per e-mail, chiedendoci ancora informazioni sulla sorte dell’Associazione, rispondiamo che tutto rimane subordinato ai tempi di costituzione complessiva del "progetto Santuario", all’interno del quale l’Associazione va situata.

È ovvio, del resto, che l’iter di Approvazione dell’ADRA – che passa per il previo esame e benestare dei competenti Superiori interessati alla regolamentazione di vita del Santuario – ha bisogno del suo normale tempo di attuazione.

Per queste ragioni, abbiamo ritenuto più corretto non ‘anticipare’ presentazioni informali di una realtà "in corso d’opera", parlandone in un libro che ha avuto il crisma dell’ufficialità da parte della ‘Commissione Centrale del 50° di Celebrazioni del Santuario’, nell’attesa che maturino tempi più opportuni.

Non ci rimane, comunque, che continuare a sperare di arrivarci presto, dato che da quest’Associazione ci aspettiamo tanto bene.
   

5] Tra le lettere "di ringraziamento" che abbiamo ricevuto per l’omaggio de "Il Magnificat di Don Alberione", ne citiamo due particolarmente significative, perché affidate alla preghiera delle scriventi "per la buona riuscita dell’azione promozionale della mariologia alberioniana" [nella quale è ovviamente inclusa l’Associazione ADRA, a questo finalizzata]:

1] L’ Abbadessa del Monastero Benedettino ‘Santa Maria Maddalena’ di Urbania (Pesaro) scrive: "…ringrazio di cuore, anche a nome della mia Comunità, per la rivista "Madre di Dio" che ci arriva regolarmente. Apprezziamo molto la Vostra carità verso di noi. Noi Vi seguiamo con la preghiera e con la nostra vita dedicata esclusivamente a Dio. Grazie infinite anche del libro-omaggio "Il Magnificat di Don Alberione"; e felicitazioni per quest’opera bella, intesa a far meglio conoscere la mariologia del Vostro Beato Fondatore" [f.to: Madre M. Giustina Bonello, osb].

2] La Presidente della Federazione delle "Figlie di Sant’Angela Merici" in Italia invia al Direttore della rivista la seguente e-mail:"…grazie per "Il Magnificat di Don Alberione" di cui mi ha fatto dono: è un testo veramente prezioso per comprendere meglio il Vostro Beato Fondatore, e per diffonderne la mariologia attraverso "Madre di Dio" e le iniziative promosse dalla rivista.

In unità di intenti e nel ricordo al Signore per tutto questo" .

Bruno Simonetto