Madre di Dio

 

N. 11 novembre 2005

Con Maria, Regina degli Apostoli

Verso l'Avvento con la Vergine dell'Attesa

Amici lettori

La verginità di Maria
  
Gabriele Amorth

La Madre di Dio per una "cultura della vita"
  
Stefano De Fiores

Storia dell’"Angelus" - 10
  
Simone Moreno

L'elemento materno mariano, nell'economia della grazia
  
Giuseppe Daminelli

"La stella li precedeva..."
  
Alberto Rum

Una devozione mariana biblica
    
Bruno Simonetto

Fatti e persone
  
a cura di Piero Roma

Cipro - come un grande Santuario
  
George Gharib

"...Prega per noi nell'ora della nostra morte"
   Aldo Ferrabino

 Cina mariana
    
Maria Di Lorenzo

In Libreria

Il Magnificat di Don Alberione - 10
  
Bruno Simonetto

Santuari mariani d'Italia

 

Madre di Dio n. 11 novembre 2005 - Copertina

   

il DIRETTORE

Amici lettori
   

La sensibilità mariana di Sr. Eulogia

Sr. Eulogia, "Pia Discepola del Divin Maestro" che fu per tanti anni vicina a Don Stefano Lamera, ci scrive per ricordarci che in Campania – oltre ai Santuari cui si è fatto cenno nel num. di Maggio scorso – ce n’è anche uno più recente, dedicato alla Vergine venerata sotto il titolo "Mia Madonna e mia Salvezza", a San Cipriano di Aversa [NA].

Poi aggiunge, fra l’altro: "… sono anche entusiasta per l’iniziativa da Lei promossa di valorizzare attraverso l’ADRA il nostro Santuario, per il quale il Beato Giacomo Alberione portava sempre nel cuore progetti grandi. Tocca a noi svilupparli. Lei che è così vicino anche fisicamente a Maria Regina degli Apostoli, rappresenti e ricordi tutti i fratelli e sorelle lontani da questo luogo benedetto…" [f.to: sr. Eulogia, pddm].

** Grazie, venerata e cara Sr. Eulogia, per le Sue considerazioni sul nostro Santuario "Regina degli Apostoli" e sulla "missione" che la rivista "Madre di Dio" è chiamata a compiere, promuovendone la conoscenza e la devozione.

Che il Signore porti a compimento l’opera da Lui iniziata! È l’augurio che rivolgo a chi – anche dopo di me – vorrà continuare con pari convinzione e amore il discorso dell’ "Associazione Devoti di Maria Regina degli Apostoli" [ADRA], con le finalità che le sono proprie.

Copertina della "Madre di Dio" di dicembre 2005.
Copertina della "Madre di Dio" di dicembre 2005.

A proposito del trasferimento ad Alba di "Madre di Dio"

* In seguito alla lettera [pubblicata nello scorso num. di Ottobre] che l’amico Andrea Carillio ci ha scritto, chiedendo di conoscere le ragioni per le quali "Madre di Dio" dall’anno prossimo sarà "trasferita" ad Alba, in Piemonte, la Lettrice Angela Ballarin di Padova domanda ancora "se il discorso del collegamento della rivista mariana dei Paolini con il Santuario "Regina degli Apostoli" in Roma continuerà davvero", chiedendosi in specie "che ne sarà dell’ADRA" [f.to: Angela Ballarin].

** Gentile Signora Angela, aggiungo un’ulteriore considerazione a quanto scritto in risposta alla lettera dell’amico Andrea Carillio di Reggio Calabria.

Credo si sia tutti d’accordo sul fatto che il Santuario "Regina degli Apostoli" in Roma abbia assoluto bisogno della rivista "Madre di Dio", come sua "voce" promozionale. E sul fatto che, secondo la proposta portata avanti in questi ultimi anni, la nostra rivista mariana debba essere l’organo di riferimento di una serie di iniziative [Incontri, Convegni, Pellegrinaggi, attività di Centro culturale-mariano, ecc.] che costituiscano effettivamente l’elemento propulsore di un Santuario vivo, da far crescere e da far conoscere secondo il disegno del Beato G. Alberione.

Ci si può domandare come è possibile che tutto ciò avvenga, ora che "Madre di Dio" viene trasferita ad Alba, quando è risultato difficile attuarlo con la rivista diretta "all’ombra del Santuario". Ma queste sono riflessioni ad alta voce alle quali solo il tempo si incaricherà di dare risposta, sempre rimanendo, tuttavia, nella fiducia che si riesca a trovare il modo di mettere insieme le esigenze editoriali albesi con la garanzia di conservare – e far crescere – da Roma un rapporto organico della rivista [e dell’Associazione ADRA] con il Santuario "Regina degli Apostoli".

Il Direttore
    

L’URM, una proposta sempre più attuale

* L’URM – come più volte ricordato – è l’Associazione che riunisce [già dal 1970] la redazione di una quarantina di riviste mariane, per beneficiare del 24° interno comune, allo scopo di avere omogeneità di contenuti mariano-mariologici qualificati, oltre che un evidente risparmio di forze e di costi per le singole Direzioni-Amministrazioni delle riviste collegate. Un’opportunità indubbiamente sempre da promuovere e potenziare.

Oggi tutto quello che da trentacinque anni si è andati proponendo è divenuto ancora più urgente, non fosse altro che per il diminuito interesse per la lettura in genere [quante copie si diffondono delle nostre riviste mariane?], oltre alla scarsità di ricerca di valori religiosi in specie.

È necessario serrare le fila e rivedere anche la pubblicistica mariana che, francamente, in Italia talvolta sembra piuttosto sopravvivere per spunti popolar-devozionistici [legati alle ‘piccole cronache domestiche’ dei nostri Santuari] che brillare per qualificati contenuti mariano-mariologici.