Madre di Dio

 

N. 12 dicembre 2006

Nel 2007 il 75° della nostra rivista

"È nato per noi un Bambino…"

Amici lettori

L’attesa messianica di Maria di Nazareth
  
Stefano De Fiores

Un linguaggio necessario per la mariologia
  
Giuseppe Daminelli

La fede mariana della Chiesa
    
Bruno Simonetto

Il carattere trinitario della festa dell’Immacolata Concezione di Maria
    
George Gharib

San Francesco Xavier, apostolo di Maria nelle Indie
    
Bianca Maria Veneziani

Storia dell’"Angelus" - 22
    
Simone Moreno

Fatti e persone
    
a cura di Piero Roma

"Che cosa significa Maria per te?"
  
Alberto Rum

Maria presentata al Tempio
    Simone Moreno

 Nel "mistero" di Dio fattosi Bambino
    
Maria Di Lorenzo

In Libreria

Il Magnificat di Don Alberione - 22
  
Bruno Simonetto

Santuari mariani d'Europa

 

Madre di Dio n. 12 dicembre 2006 - Copertina

   

il DIRETTORE

Amici lettori
   

Osservazioni conclusive sui presunti ‘nei’ di "Radio Maria"

Con questo num. di Dicembre della rivista, ci pare giunto il momento di mettere la parola "fine" alla serie di scambi di pareri sui due presunti ‘nei’ dell’emittente "Radio Maria" [1. - il "risalto eccessivo dato alla presenza del Diavolo nel mondo", 2. - lo "schieramento acritico nei confronti dei messaggi di Medjugorje"], a suo tempo rilevati dal Vescovo di Vittorio Vento, Mons. Giuseppe Zenti, e sui quali si sono diversamente espressi i nostri Lettori, durante tutto l’anno.

Così finisce una "telenovela" che per alcuni è stata occasione di richiamo ad una maggiore cautela nel trattare i temi su ricordati, per altri una inutile [o addirittura dannosa] "requisitoria" nei confronti della sempre benemerita emittente cattolica.

** Che dire, in conclusione? Anzitutto che, cercando di interpretare le ragioni degli uni e degli altri, francamente ci pare che siano stati espressi pareri certo discordanti, ma mai con toni di inopportuna presunzione, avendo rilevato che:

a] Il "risalto eccessivo dato [da "Radio Maria"] alla presenza del Diavolo nel mondo" - supposto che questo eccesso ci sia stato - è forse da addebitarsi più alle suggestioni della rubrica curata da p. Amorth che alla programmazione complessiva dell’emittente diretta da p. Livio.

D’altra parte: e lo abbiamo rilevato più volte, nessuno dei Lettori intervenuti nel dibattito ha inteso ignorare o nascondersi il mistero del Male dovuto agli Spiriti maligni "qui pervagantur in mundo", secondo l’espressione della bella preghiera che la Chiesa ci faceva recitare al termine della Santa Messa, prima dell’ultima riforma liturgica.

E ci chiediamo, piuttosto: perché non reintrodurla?

b] Lo "schieramento acritico nei confronti dei messaggi di Medjugorje" è, invece, un dato di fatto sul quale ci si può trovare d’accordo [con "Radio Maria"] quando si è decisamente "pro Medjugorje", ma dal quale si prendono le distanze quando non si è necessariamente convinti delle "presunte Apparizioni" della "Madonna della Pace" che durerebbero da venticinque anni nel paesino sperduto fra le montagne dell’Erzegovina. Nonostante le innegabili testimonianze del tanto bene che là si riceve.

In merito a tale presunto "neo", per noi è sempre valso il parere espresso anche recentemente nel num. di Agosto/Settembre della rivista, dove ricordavamo i "Venticinque anni del ‘fenomeno’ Medjugorje": "… poiché la Chiesa, nel suo Magistero, ha sempre invitato alla prudenza per le rivelazioni di carattere privato, secondo quanto insegna il "Catechismo della Chiesa Cattolica" [cfr. ibid., n. 67], noi ci atteniamo a questa linea, senza la pretesa di avanzare "riserve" nei confronti di chi è pro-Medjugorje; ma anche senza sponsorizzare acriticamente [fino ad un definitivo pronunciamento ecclesiastico] l’autenticità delle Apparizioni e relativi "segreti" e "messaggi" mensili…

Copertina della "Madre di Dio" di Gennaio 2007.
Copertina della "Madre di Dio" di Gennaio 2007.

Il "programma editoriale" per il 75° di "Madre di Dio"

L’amico lettore Angelo Giudici, di Arma di Taggia [Imperia], ci scrive domandandoci che "programma editoriale" "Madre di Dio" ha preparato per il 2007, 75° di fondazione delle rivista.

** È un "programma editoriale"… "in studio aperto", caro Angelo. Comunque, il num. celebrativo sarà quello del mese di Dicembre 2007, poiché il primo num. di "Madre di Dio" [che allora si intitolava: "La S. Madonna"] uscì nel Dicembre 1932.

Inoltre, la 1ª e 4ª di copertina di diversi numeri dell’anno [almeno del num. di Gennaio, di quello della Pasqua in Aprile, di Maggio, di Ottobre e, ovviamente, di Dicembre] saranno impreziosite con il "quinto colore" dell’oro.

Troveremo poi modo di riproporre alcune delle pubblicazioni più significative dei settantacinque anni di vita della rivista, particolarmente quelle delle "firme" più prestigiose, a cominciare dalla settantina di contributi, pubblicati dal 1932 al 1963, del suo Fondatore, il Beato Giacomo Alberione.

Altre iniziative extra-editoriali sono legate alla sorte del progetto di collegamento di "Madre di Dio" al Santuario "Regina degli Apostoli" in Roma, ancora da attuare, come ben sanno i nostri Lettori.

Il Direttore